SpazioF, l’informatica è un gioco da ragazze

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Ospite dell’incontro di giovedì 25 novembre alle 17 sarà

Claudia Canali del progetto “Ragazze Digitali” di Unimore

 

Avvicinare le ragazze all’informatica in modo divertente e stimolare la loro creatività digitale. Questo l’obiettivo di Ragazze Digitali, un progetto promosso dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio in collaborazione con l’associazione European Women Management Development e il sostegno della Fondazione di Modena. L’attività principale è il Summer Camp dove si impara a programmare e si discute di social networks, sicurezza informatica e web publishing. Il Summer Camp, dal 2018, è sostenuto con continuità dalla Fondazione di Modena.

 

Ragazze digitali sarà il tema del prossimo appuntamento di SpazioF, giovedì 25 novembre alle ore 17. Ospite dell’incontro sarà Claudia Canali, professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” e responsabile dell’organizzazione e della promozione del progetto.

La prof.ssa Canali è anche responsabile scientifico per UNIMORE del progetto Horizon 2020 – Gender Equality in Information Science and Technology. L’incontro, aperto al pubblico, sarà trasmesso sul sito e sulla pagina Facebook della Fondazione. Per coloro che assistono in presenza obbligo di mascherina e green pass.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati