SpazioF, ecco “Gli Archivi del Futuro”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Presentazione della mostra allestita ad AGO dal Gruppo

Giovani di Confindustria nell’ambito del FestivalFilosofia

 

Secondo appuntamento con gli incontri di SpazioF, la nuova porta della Fondazione di Modena. Domani, mercoledì 16 alle ore 17, è in programma la presentazione della mostra “Gli archivi del futuro” allestita nei locali di AGO nell’ambito del FestivalFilosofia. La mostra, curata dai Giovani Imprenditori Confindustria Emilia Area Centro, è un viaggio nel cuore manufatturiero d’Europa attraverso le immagini conservate negli archivi d’azienda dei distretti industriali di Bologna, Modena e Ferrara. Un patrimonio documentario preziosissimo che si avvale di nuove tecnologie come le immagini in gigapixel, riproduzioni digitali ad altissima risoluzione.

I contenuti della mostra saranno illustrati da Vittorio Cavani, curatore della mostra, e Michele Poggipolini, Presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Emilia Area Centro.  L’accesso allo SpazioF è gratuito ma è obbligatoria, in base alle norme anti-Covid, la prenotazione attraverso la App della Fondazione. L’incontro sarà trasmesso in streaming sul sito www.fondazionedimodena.it e sulla pagina Facebook della Fondazione di Modena.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo