SPACCIATORE ARRESTATO DOPO UN INSEGUIMENTO

Condividi su i tuoi canali:

None

 

La Polizia municipale ha fermato il tunisino in via Rainusso a Modena nell’ambito di controlli nei pressi delle scuole. Direttissima: condannato a nove mesi

Arrestato dalla Polizia municipale giovedì mattina, dopo un impegnativo inseguimento a piedi nella zona di via Rainusso a Modena, è stato processato per direttissima il giorno dopo dal Tribunale uno spacciatore tunisino (M.A. di 25 anni, clandestino) che ha patteggiato una condanna a nove mesi di reclusione (pena sospesa) e una multa di duemila euro. L’operazione si è svolta nell’ambito dei controlli programmati nei pressi degli istituti scolastici per prevenire e contrastare il fenomeno del consumo di droga tra i giovani. Negli ultimi giorni, proprio nell’area della stazione delle corriere, sono stati individuati e deferiti alla Prefettura diversi giovani assuntori di droga.

A una settimana di distanza dal duplice arresto avvenuto al Novi Sad, gli agenti in borghese del Nucleo Problematiche del Territorio hanno notato un giovane nord africano avvicinarsi a un ragazzo italiano e hanno intuito un rapido scambio di danaro e droga tra i due, che hanno preso strade diverse. Gli agenti hanno seguito il tunisino, mentre l’italiano è stato fermato poco distante da una pattuglia che ha accertato la natura della compravendita avvenuta: quasi due grammi di eroina.

A questo punto gli agenti hanno cercato di fermare lo straniero che è fuggito saltando cancelli e siepi e arrampicandosi sul tetto di un garage da dove si è calato in un cortile. E lì che gli operatori in borghese, dopo averlo inseguito senza perderlo mai di vista, lo hanno bloccato e ammanettato. In tasca aveva ancora alcune dosi di eroina pronte per la consegna.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo