“”Solo gli animali vanno a dormire senza aver letto nulla””

Condividi su i tuoi canali:

Non l’ho fatto mai prima d’ora e probabilmente questo rimarrà un episodio isolato.
“Bice”, generosa e saggia, come la ""rezdora"" che idealmente rappresenta, scuserà e perdonerà.
art. di Maria

Pubblico su Bice, in seconda battuta, come si dice, un piccolo articolo uscito due giorni fa e ripreso anche da altre testate on line, oltre a quella per la quale  l’ho scritto,Camminando Scalzi.

Non l’ho fatto mai prima d’ora e probabilmente questo rimarrà un episodio isolato. Bice è e sarà sempre la prima alla quale dedico passione e impegno,  e i suoi Lettori sono e saranno sempre i primi ai quali mi rivolgo e dai quali desidero  avere, a mia volta, pensieri e risposte.

Ma l’argomento era troppo importante, avrei comunque ripreso questo articolo, chiunque l’avesse scritto, perchè l’intelligenza e la dignità delle donne, la maternità, la scolarizzazione, meritano la più grande attenzione e il più grande rispetto.

“Bice”, generosa e saggia, come la “”rezdora”” che  idealmente  rappresenta, scuserà e perdonerà.

E così spero farete anche voi, gentili lettori, qualora aveste già letto questo articolo.

Grazie.

M.

 

 ***********

“Togliete i libri alle donne e torneranno a far figli”, questo è il titolo di un recente articolo.

Leggendolo ho ripensato alla casa in cui sono cresciuta, con un fratello e tre sorelle, una casa modesta, forse, rispetto ai canoni attuali, ma nella quale i buoni libri erano numerosissimi e vari. Ma, soprattutto, per contrasto, di fronte a un simile rappresentante del genere maschile,il giornalista autore del pezzo, ho ripensato a mio padre. Autodidatta, persona colta e interessantissima, molto simpatica, leggeva molto e scherzosamente diceva a noi figli che solo gli animali vanno a dormire senza aver letto nulla.

Per nascita quindi, e per scelta, nutro per i libri una passione che trovo inutile spiegare a questo signore perché non mi capirebbe, anzi, gli darei modo di fare qualche battuta, sulle donne che leggono e sul loro essere madri. Ma qualcosa vorrei dire a questo signore, che fa il giornalista e che di questa nobile professione vive.

Signor giornalista, il timore espresso, nel corso del suo scritto, di essere linciato, è del tutto infondato. Le donne che davvero leggono i libri (e gli uomini che davvero leggono i libri) e che da essi traggono insegnamento, conoscenza e ricchezza morale, non linciano nessuno; anche di fronte alla stupidità totale, non ricorrono alla violenza, perché essa è l’arma di chi non ha altre armi. E le idee, i pensieri, i progetti e i sogni di chi legge i libri sono le armi più efficaci e più potenti, direi invincibili, rispetto a tutte le altre.

Un’altra cosa vorrei dirle: non confonda, per favore, le sue personali idee con le idee di Destra, ciò è offensivo e riduttivo.

Infine, quanto all’alato concetto da lei espresso, la compiango. La compiango dalla profondità della mia anima femminile che si è realizzata nella maternità.

Amare i libri, rispettare chi li ha scritti, accostarsi con umiltà e gratitudine a essi, nello studio e nel lavoro, per cercare di imparare o per il puro piacere di leggere, non fa male alle donne né toglie loro il desiderio di essere madri. Alle donne, secondo la sua incondivisibile e semplicistica proposta, sarebbe sufficiente togliere i libri, ossia la Conoscenza, per farle tornare “a far figli”, fornendo come splendidi esempi da seguire paesi altamente prolifici, come Niger e Uganda, il primo musulmano, l’altro cristiano, quindi senza attribuire a motivi confessionali questi bei record, che si attestano attorno a sette figli percentuali per ogni donna.

Non una parola, sui veri deterrenti, né sui motivi che nella società moderna mortificano il desiderio di maternità…

 Sono indecisa, fra le varie perle del suo articolo, su quale sia la più meritevole di menzione… Concedo un ex-aequo: “Culle vuote e barconi pieni” e “se vogliamo riaprire qualche reparto maternità bisognerà risolversi a chiudere qualche facoltà”.

Tralascio ogni commento, sul ruolo da fattrici che sembra riservare alle rappresentanti del genere femminile.

 © Riproduzione Riservata

——

Camminando scalzi http://www.camminandoscal
zi.it/wordpress/solo-gli-animali-vanno-a-dormire-senza-aver-letto-nulla.html

Informare per resistere

http://www.informarexresistere.fr/2011/12/05/“…solo-gli-animali-vanno-a-dormire-senza-aver-letto-nulla…”/#axzz1feQr9m30

 


http://www.liberoquotidiano.it/news/881830/Togliete_i_libri_alle_donne__torneranno_a_far_figli.html



[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

24 aprile Giornata Mondiale della Sicurezza

Ifoa accende il dibattito nazionale sulle “morti bianche” con Cesare Damiano e gli esperti del settore  Reggio Emilia, 22 aprile 2024 – In occasione della Giornata Mondiale

Convocazione Consiglio Comunale

Martedì 23 aprile, ore 19.00 Il presidente Alessandro Reginato ha convocato il prossimo Consiglio Comunale di Fiorano Modenese per martedì 23 aprile 2024, ore 19.00,