Solidarietà al giornalista Gianni Galeotti e qualche riflessione

Condividi su i tuoi canali:

None

Una volta ancora una violenza inaudita, un’aggressione che solo per fortunate circostanze non ha avuto esiti ben più gravi e non ha coinvolto minori.

Desideriamo esprimere a Gianni Galeotti de L’INFORMAZIONE e alla sua famiglia tutta la nostra solidarietà e alla Polizia il compiacimento per il suo operato.

Certo che viene da chiedersi, se un comune cittadino deve guardarsi le spalle perfino dietro ai cancelli del cortile di un fabbricato privato, alle 19 di un giorno qualunque, se una donna corre pericoli sotto il Palazzo Ducale alle 7 e trenta di mattina, in che razza di mondo, ormai, siamo costretti a vivere, e quanto ancora vi sia da fare per avere una città più sicura, a quanto siano serviti i dialoghi dei Comitati con l’Amministrazione, le richieste e le proposte formulate ad essa anche da parte nostra, che Comitato non siamo.

Viene da domandarsi come mai, pur avendo il Comune di Modena aderito al Forum italiano ed europeo per la sicurezza urbana (di cui il Sindaco Pighi è uno dei Vicepresidenti), come mai appartenendo egli al partito che sta governando il paese, come mai avendo la nostra città rappresentanti in Parlamento, non siamo ancora riusciti a vedere arrivare quegli agenti promessici per iscritto dal Vice Ministro Minniti l’estate scorsa.

Viene da domandarsi se non sia venuto il momento di farsi sentire come cittadini nelle diatribe societarie che impediscono la rapida realizzazione di opere che riqualificando la zona (come in Via Canaletto) potrebbero attenuare il verificarsi di una simile escalation di violenza.

Viene da chiedersi infine se non sia il caso di scendere in piazza di nuovo, e questa volta senza giunta al seguito, da semplici cittadini, o quello di richiedere il porto d’armi per difendere noi e le nostre famiglie da aggressioni come quella subita da Gianni Galeotti.

Confidiamo che queste istintive riflessioni ne “provochino” altre in chi ha il compito di amministrare questa città.

E intanto ieri sera una nuova aggressione con sequestro di un negoziante in Via Amendola.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione