SOCIAL CARD: il Codacons presenta esposto al Tribunale dei Ministri

Condividi su i tuoi canali:

None

Cittadini senza ricarica danneggiati!

Il Codacons nazionale sta ricevendo da giorni numerose segnalazioni di cittadini che, pur avendo diritto alla social card varata dal Governo, non hanno ottenuto l’accredito del denaro loro spettante.

Anche a Modena non sono mancati i contatti da parte di persone arrabbiate, deluse ed umiliate dalla mancata ricarica delle “tesserina”.

Tanta deve essere stata  l’umiliazione di chi  al momento in cui ha tentato di usarla ha scoperto che non vi erano soldi.

Credeva  di avere ricevuto una somma così modesta da sembrare poco più di una elemosina eppure ci aveva fatto affidamento.

La mancata ricarica della social card   di fatto determina un danno per i cittadini, poichè lede la loro dignità personale. Il mancato versamento dei soldi, infatti, rappresenta un male ingiusto inflitto al cittadino, che si aspetta di beneficiare della somma promessa come sostegno per la spesa alimentare, acquisto di prodotti per la casa, ecc.

Si registrano inoltre enormi difficoltà nell’accesso a tale carta, per il cui ottenimento occorre seguire un iter troppo complicato per gli utenti.

 

Per tali ragioni il Codacons ha deciso di presentare un esposto all’Antitrust (per valutare i profili di pubblicità ingannevole) e al Tribunale dei Ministri, in cui si chiede di intervenire valutando le ipotesi che si riterranno idonee, compresa quella di truffa..

 

Il  v. Presidente Regionale CODACONS

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.