Situazione edifici scolastici modenesi

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

CONSIDERATO

 

–          che il distacco di intonaco in due scuole modenesi ha  provocato panico tra gli studenti e grande preoccupazione nelle loro famiglie;

–          che i distacchi, che fortunatamente  non hanno causato danni a persone, verranno rapidamente ripristinati, ridando piena funzionalità alle due scuole;

–          che in ogni caso gli incidenti suonano come annunciati campanelli dall’allarme in conseguenza dello scarso interesse mostrato da questa amministrazione verso l’edilizia scolastica modenese;

–          che in questi cinque anni di amministrazione l’assessorato ha sempre rinviato gli interventi importanti o la realizzazione di nuove scuole. Ultimo episodio la proposta di Variazione del Bilancio, in discussione il 28 novembre in Consiglio comunale, dove per ridurre la previsione di spesa del bilancio 2013 titolo II si ricorre allo slittamento al 2014 delle opere collegate all’investimento “14.12.2189 “3° Stralcio Scuola Elementare Mattarella” crono 2013/350 di 3,08 mil. euro;

–          che anche i sindacati si dichiarano preoccupati della situazione generale dell’edilizia scolastica a Modena, rilevando che circa la metà degli edifici scolastici modenesi non possiede il certificato di prevenzione incendi, mentre il 40% circa quello di conformità edilizia o di agibilità.

 

SI CHIEDE AL SINDACO

 

1.         se gli interventi edilizi previsti al Sigonio siano di pertinenza del Comune, nonchè i tempi previsti per riportarlo alla piena funzionalità;

2.         quali e quanti edifici scolastici modenesi siano di pertinenza del comune;

3.         quale sia stata la spesa effettuata da questa amministrazione in interventi edilizi scolastici, negli anni 2012 e 2013, suddivisa per interventi di carattere ordinario e straordinario;

4.         quali edifici scolastici risultino privi di certificato prevenzione incendi;

5.         quali edifici scolastici non possiedano il certificato di conformità edilizia o di agibilità. competenza;

6.         se esistano previsioni circa la spesa e i tempi per mettere gli istituti a norma di legge;

7.         se questa Giunta intenda perseverare nella scelta politica di finanziare iniziative effimere costose e non urgenti, come 1,5 mil di euro per Piazza Roma, anziché impegnare ogni risorsa possibile nella disastrata edilizia scolastica necessari per la sicurezza di studenti, docenti e personale tutto

                                                                                          Paolo Ferraresi

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per