Sindacati partigiani

Condividi su i tuoi canali:

Cgil Cisl e Uil, che “combattono“ il Fascismo in assenza di Fascismo, guardandosi bene dall’attaccare l’alta finanza apolide, il potere bancario , e il turbo capitalismo antinazionale che sta distruggendo lo Stato sociale , i lavoratori e i piccoli imprenditori italiani.

 


Dopo la presa di posizione di alcuni sindacati sul paventato sfratto dell’Anpi a margine della “Giornata del ricordo” non si sa se ridere o piangere. Costoro, che da anni hanno disatteso al loro compito, che dovrebbe essere quello di tutelare i lavoratori, si ergono a difensori della “libertà“(?) e della verità storica (la loro). Evidentemente dei lavoratori interessa poco.

1993: adesione al “Protocollo sulla Politica dei Redditi e dell’Occupazione”, firmato dai rappresentanti di Cgil-Cisl e Uil (Trentin, D’Antoni e Larizza) che sancì che i nuovi assetti contrattuali fossero agganciati al “Tasso d’Inflazione Programmata”. Dietro questa voce si celava la colossale truffa ai danni dei lavoratori, che anno dopo anno hanno visto i propri stipendi perdere valore. Questo meccanismo infatti, voluto da padronato, sindacati gialli e governo di allora, non si è rivelato un idoneo strumento di tutela salariale come lo era stata la “scala mobile”, abolita tra il 1984 e il ’92, con il via libera dato anche da Cgil Cisl e Uil. Presidente del Consiglio era Ciampi, uomo di Bankitalia e al Lavoro c’era Gino Giugni, padre dello “Statuto dei Lavoratori”, anche lui convertitosi al liberismo.

Passaggi precedenti: 1986, legge 56 che estende a tutti i settori produttivi il contratto a termine; legge 146/90 che limita il diritto di sciopero; 1991, legge 223 sulla mobilità che ha permesso uso massiccio di esternalizzazioni; 1997, pacchetto Treu, che introduce il lavoro interinale e privatizza il collocamento; 2003, Legge Biagi che introduce tutto quanto possa rendere il lavoro precario. Fino ad arrivare alla famigerata Legge Fornero, al vergognoso Jobs Act di Renzi e al depotenziamento dell’art .18, nel silenzio assoluto di Cgil Cisl e Uil, che “combattono“ il Fascismo in assenza di Fascismo, guardandosi bene dall’attaccare l’alta finanza apolide, il potere bancario , e il turbo capitalismo antinazionale che sta distruggendo lo Stato sociale , i lavoratori e i piccoli imprenditori italiani.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Parte il tour itinerante

Al Castello Montecuccolo a Pavullo nel Frignano (Mo) partirà il tour itinerante della copia della corona di Mary of Modena” in occasione sarà illustrato il

Grande fucile, piccolo cervello

L’attentato a Trump  ha mostrato gli incredibili punti  deboli, le falle nella sicurezza, della più grande democrazia del mondo anche se non sono mancati anche

Concorso Futuri Maestri

Sabato 13 luglio alle ore 18.30, presso Spacegallery di via Bonaccini 11, si è svolta la seconda edizione del concorso Futuri Maestri – Eccellenze creative