Sicurezza, indagine del Sole 24Ore: rapine in aumento

Condividi su i tuoi canali:

None

“Una tendenza che non può essere ignorata”

 

Fanno riflettere i dati riportati ieri dal Sole24Ore, che mettono in evidenza un aumento degli episodi di criminalità nella nostra provincia, soprattutto di furti domestici e rapine. Due aspetti, sottolinea Confesercenti Modena, che non possono essere archiviati come puri dati statistici, e ai quali occorre dare una risposta.

“L’incremento del 42% dei furti in casa, e soprattutto quello dell’11% delle rapine, rischia di creare allarme tra i cittadini, e di acuire quella percezione di insicurezza che da tempo denunciamo. Questa evoluzione negativa non va trascurata, anche perché le modalità “seriali” attraverso le quali furti e rapine vengono messe a segno fanno pensare che dietro a questa escalation vi sia la regia di una o più organizzazioni, che trovano in Modena e nella sua provincia un tessuto economicamente ricco, e per questo particolarmente appetibile” osserva Confesercenti Modena.

“Su questo aspetto in particolare – prosegue l’associazione – nei prossimi mesi ci aspettiamo da parte delle Forze dell’Ordine e degli inquirenti segnali importanti: pur consapevoli che all’incremento della criminalità non corrisponde purtroppo un adeguato rafforzamento degli organici, riteniamo che si debbano intensificare le azioni di prevenzione e repressione anche perché reati come i furti nelle abitazioni sono tra i più odiosi per gli effetti emotivi che determinano sulle vittime.”

In una situazione di crisi come quella attuale, che non ha precedenti dal dopoguerra ad oggi, il tema della sicurezza dei cittadini, unitamente al tema del lavoro, è per Confesercenti una priorità a cui andrebbero devolute, e non sottratte, risorse importanti.  Anche in questo settore, come in altri, vanno compiuti sforzi per recuperare efficienza e produttività a tutti i livelli “L’aumento di questo tipo di reati, forse meno eclatanti e pericolosi di altri, colpisce ancora più da vicino le famiglie e i piccoli imprenditori che vedono venire meno la garanzia della sicurezza. Il nostro auspicio – conclude Confesercenti – è che l’attività delle Forze dell’Ordine possa muoversi in modo rapido ed efficace in questa direzione.”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex