Sicurezza. Dell’Orco (M5S): Nonostante allarme criminalità ancora tagli al comparto nella legge di bilancio

Condividi su i tuoi canali:

None

M5S annuncia emendamenti per ripristino fondi

 

 

“I cittadini possono in parte ringraziare Renzi per la drammatica situazione di sicurezza che stiamo  vivendo nel nostro Paese”, lo dichiara il deputato emiliano M5S Michele Dell’Orco, commentando la legge di bilancio e i mancati stanziamenti al ministero dell’Interno per il comparto sicurezza e il preoccupante episodio della maxi-rapina odierna in una gioielleria di Modena. “Tutti i giorni –commenta il deputato- leggo sulla stampa notizie che riguardano aggressioni, rapine e aumento di furti, che stanno interessando l’Emilia così come il resto dell’Italia, e a cui che le forze dell’ordine non riescono più a tenere fronte. Si tratta sempre più di episodi sconcertanti come ad esempio la rapina violenta avvenuta ogginella gioielleria di via Selmi a Modena. Mentre nel Paese reale la vita si fa sempre più dura, il Presidente del Consiglio toglie oltre 491 milioni di Euro al settore  mettendo gravemente a rischio la sicurezza dei cittadini e la lotta a mafie e criminalità”.

 

 

“In particolare-aggiunge il pentastellato-  il Governo ha fatto i seguenti specifici tagli: 12 milioni e 758 mila euro al fondo straordinario del personale della polizia di Stato; 87 milioni e 697 mila euro per la lotta alla delinquenza organizzata; 317 milioni e 067 mila euro all’arma dei carabinieri e alla tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza pubblica; 190 milioni e 343 mila euro alla pianificazione e al coordinamento delle Forze dell’Ordine, al programma contrasto al crimine, alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica; 1 milione e 895 mila euro per spese di funzionamento della Direzione Investigativa Antimafia; 138 milioni e 909 mila euro alla prevenzione e soccorso pubblico.

“Insomma –sostiene Dell’Orco – ancora una volta si mette mano ai fondi destinati alle forze dell’ordine e al comparto per la sicurezza nazionale e l’ordine pubblico, già esposto a precedenti tagli e a 6 anni di blocco dei contratti. Tutto ciò mentre nel nostro Paese si registrano forti aumenti di organizzazioni criminali e mafiose e il proliferare della corruzione e  il rischio attentati e terrorismo internazionale sempre dietro l’angolo

“La situazione è allarmante –ammette il deputato- e tra la gente c’è molta frustrazione e paura ma presenteremo emendamenti per ripristinare le risorse perche -conclude Dell’Orco-  il M5S ritiene che la sicurezza non sia un costo ma un investimento e ci stiamo battendo per evitare che manovre sbagliate del Governo minino definitivamente la sicurezza sociale nel nostro Paese”.

 

——–

 

Cittadino Deputato

Movimento 5 Stelle

 

 


 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo