Siamo alla fine di una lunga notte

Condividi su i tuoi canali:

Elio Pierazzi, sindaco di Frassinoro “C’è lavoro, ma noi perdiamo residenti e immigrati non ce ne sono” “Siamo alla fine di una lunga notte: il nostro è un territorio incontaminato che merita di essere vissuto” Tutte le iniziative della settimana di Natale-

Frassinoro ha un’estensione di 97 kmq, è un centro immerso nel verde, in un territorio praticamente incontaminato, il sogno di chi vorrebbe vivere tranquillo e in un ambiente sano, ma, ed ecco la contraddizione, lei probabilmente è il sindaco del minor numero di cittadini di un nostro Comune 

Statistiche recenti ci informano che i residenti di Frassinoro sono 2.112, un’ulteriore emorragia anche in quest’ultimo anno. E’ un paese che ha grandi difficoltà dal punto di vista dei servizi, la lontananza dalle scuole superiori – i ragazzi vanno a Sassuolo – dall’ ospedale – ci si ricovera sempre a Sassuolo – la viabilità, che nonostante le ultime opere importanti, è molto scadente, i trasporti pubblici che non adeguati alle esigenze reali: tutto questo porta a fare valutazioni che conducono le famiglie a trasferirsi a Sassuolo, Castellarano, Modena.. scelte disastrose per il nostro territorio 

Un comune ricco, e assolutamente in controtendenza? 

Continuiamo a perdere residenti, immigrati non ce ne sono, nonostante abbiamo diversi posti di lavoro, sicuramente non di alto livello culturale, ma lavoro per operai metalmeccanici, nel settore della ceramica… ma purtroppo i nostri ragazzi spesso preferiscono fare la stessa attività, ma altrove. E qui arrivano lavoratori da Villa Minozzo, di Montefiorino, dell’Alta Garfagnana, di Pieve, Fiumalbo… Stranamente invece di essere un paese dormitorio, noi diamo lavoro, ma la sera tutti se ne ritornano a casa loro

Eppure Frassinoro offre una marea di iniziative sia nel periodo invernale che in quello estivo? 

Ho la presunzione di pensare che la nostra Amministrazione ha cercato di fare moltissimo per modificare la tendenza negativa del nostro territorio. I risultati certamente si vedranno nel tempo. Mi sembra di vivere questa situazione: siamo alla fine di una lunga notte, comincia ad intravedersi il sorgere del sole, comincia ad arrivare l’alba. E credo che il nostro impegno, l’impiego delle risorse che abbiamo messo in campo, le manifestazioni che servono a creare vitalità possano, potranno servire a far nascere l’amore, il desiderio di restare o di tornare, a far sì che ci sia effettivamente la controtendenza.  

In questo periodo natalizio ci sono parecchie manifestazioni che richiamano attenzione e turismo, ce le vuole illustrare? 

Per chi ama la neve, sciare, fare fondo, il 27 dicembre a Boscorealesi terrà il 6° trofeo scuola sci con ko sprint in notturna, il 30 “”Cono… sciamo il fondo”” alle piste di Lago Murato; la notte di capodanno a Piandelagotti si festeggia con un’escursione notturna con ciaspole (ci hanno chiamato anche dalla Sicilia per venire a ciaspolare), giochi sulla neve, buffet e bridisi al rifugio Maccheria, mentre in piazza Miani a Frassinoro ci sarà animazione, buffet all’interno di stand riscaldati e brindisi intorno al falò; per chi invece ama le tradizioni, letture di poesia e racconti il 26 al teatro Bucciardi e recita di Natale alla parrocchia il 28. Ma poi anche iniziative per i bimbi il giorno della Befana e la domenica successiva.Ma per maggiori informazioni e per conoscere la ricettività alberghiera si può consultare il sito del comune www.frassinoro.net

Cosa significa essere nella Comunità Modena ovest? 

E’ sicuramente una difficoltà, perchè da troppo tempo i problemi non vengono risolti. La nostra vallata è riconosciuta a tutti i livelli come quella più arretrata e all’interno della comunità noi siamo un comune di crinale, quindi siamo quelli più indietro rispetto alla qualità dei servizi che la gente riceve. Abbiamo però il vantaggio di essere il territorio più bello della nostra vallata e non solo, e questa nostra “”arretratezza”” nel tempo potrebbe trasformarsi nella nostra potenziale ricchezza. E noi la stiamo valorizzando. Il prossimo anno avremo i campionati dei ragazzi di sci di fondo, dopo aver avuto due anni fa i campionati assoluti (gli atleti che hanno partecipato rappresenteranno l’Italia alle prossime Olimpiadi!). Avremo i campionati di sleddog, ci sono già stati assegnati ufficialmente anche i campionati dei cani da slitta con rotelline. Venerdì 14 aprile si terrà poi la via Crucis vivente (che si ripete ogni tre anni) ed è un avvenimento che richiama molta attenzione. 

Ma non è che magari i “”montanari”” sono molto chiusi, poco ospitali? Faccia finta di guardare il suo Comune con un certo distacco e ci racconti le sue impressioni 

Io vengo da Badia e più frassinorese di così non si può E in effetti, se voglio essere sincero, qualche problemuccio ce lo abbiamo, ma stiamo cercando di migliorare…Effettivamente siamo dei montanari un po’ chiusi, ma stiamo capendo che la gente che viene da fuori non è una negatività. Anzi. Il futuro di Frassinoro non lo vedo nei frassinoresi, ma nei futuri frassinoresi, cioè gente di altri centri che per scelta decida di vivere in un territorio che merita davvero di essere vissuto. 

C’è una frana che vi ha colpito pesantemente, cosa si fa? 

Noi siamo anche famosi per le frane. Abbiamo una grandissi
ma frana in movimento, ma la sensazione che ho avuto è che non siamo stati abbandonati, stiamo diventando emergenza nazionale, quindi ci saranno diverse risorse che verranno convogliate sul territorio di Frassinoro per risolvere questi problemi. Non siamo soli, non siamo stati abbandonati. Dobbiamo solo credere un po’ di più noi nel nel nostro territorio e nelle nostre potenzialità. Un po’ più di amore non solo a parole, ma anche a fatti 

Qual è il suo sogno nel cassetto? 

Non è solo un sogno, è un auspicio. Abbiamo fatto tante opere: strade, teatro, recupero del castello, tante cose fisiche da vedere, ma noi amministratori attuali, ma anche quelli successivi (perchè sarà un lavoro di anni) dovremmo riuscire a fare la cosa più importante , lavorare sulla gente, convincerla che vivere sul nostro territorio non è così difficile, non è così impossibile. Dobbiamo prima di tutto costringere chi ci deve dare i servizi, a darci quello di cui abbiamo realmente bisogno. Faccio un esempio: è inutile far girare corrirone vuoto e non dare una risposta ai ragazzi che vanno a scuola in termini di tempi ragionevoli e umani.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

24 aprile Giornata Mondiale della Sicurezza

Ifoa accende il dibattito nazionale sulle “morti bianche” con Cesare Damiano e gli esperti del settore  Reggio Emilia, 22 aprile 2024 – In occasione della Giornata Mondiale

Convocazione Consiglio Comunale

Martedì 23 aprile, ore 19.00 Il presidente Alessandro Reginato ha convocato il prossimo Consiglio Comunale di Fiorano Modenese per martedì 23 aprile 2024, ore 19.00,