Si fa presto a dire cultura…

Condividi su i tuoi canali:

None

Quanto siamo veramente disposti a spendere di nostro per la cultura ?

A fare il conto della serva, di solito si va incontro a qualche sorpresa, come quella di scoprire che l’investimento sulla formazione specialistica (e non generica) dei nostri giovani diplomati e universitari si limitava in qualche stage di poche settimane, privi di esperienze rsponsabili e “”rischiose””.

Il concetto di rischio, ribadisco, nella prassi di insegnamento specialistico nelle scuole di ogni livello è completamente azzerato.

L’insegnante trasmette agli studenti il concetto teorico dell’assenza del rischio che si traduce in automatico diritto nella vita reale.

Di questo passo avremo una intera generazione di donne e uomini maturi che si aspettano dalla vita solo diritti. Tombola!

Attenzione cinquantenni superstipendiati e supertutelati, fra pochi mesi un esercito di baldi asiatici, africani e sudamericani vi presenteranno il conto e non si tratterà più di concorrenza sleale, ma di occupazione forzata dei cosiddetti ex liberi mercati.

Gli unici posti disponibili per i nostri nipotini latte-miele saranno nelle scuderie dei nuovi padroni asiatici e mediorientali, dove lo statuto dei lavoratori sarà alla pari di un pezzo di antiquariato.  Quo vadis liberto?

 

Circolo Libertà – Cognento

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria