Serramazzoni, per promuovere i corsi di musica

Condividi su i tuoi canali:

None

Serramazzoni, per promuovere i corsi di musica

sabato 21 ottobre l’incontro pubblico con i docenti

 

I corsi di musica e i docenti della scuola “”Bruno Serri”” di Serramazzoni saranno presentati nel corso di un incontro pubblico in programma sabato 21 ottobre (ore 16) nella sala di Cultura di via Roma 293.

L’evento sarà anche l’occasione per festeggiare il primo anno dell’iniziativa che ha coinvolto finora oltre 50 allievi di tutte le età.

I corsi, avviati su iniziativa del Comune, rientrano nel progetto dedicato a Bruno Serri, maestro di musica di Serramazzoni che ha avviato decine di ragazzi, tra cui il fisarmonicista Tiziano Chiapelli, tra i docenti della scuola.

Gli altri docenti, presenti all’incontro, sono Gen Llukaci per il violino, Denis Biancucci per il pianoforte, Erika Debbia per il canto corale, Mahad Sahal per le percussioni, Maurizio Gandolfi per la batteria e Mirko Carlini per la chitarra e basso.

Sono previste brevi esibizioni degli allievi con i maestri; sarà presente anche il presidente di Club Unesco di Modena Carlo Pellacani.

Per informazioni sulle iscrizioni, aperte comunque anche durante l’incontro, è possibile contattare il servizio di sviluppo turistico e culturale del Comune di Serramazzoni 0536 952199 (int. 230), oppure consultare il sito del Comune e la pagina Fb “”scuoladimusicabrunoserri””.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria