Segreti di Pulcinella, di qua e di là dell’Oceano

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Un potentissimo produttore cinematografico di Hollywood, ottimo affarista e grande talent-scout era solito reclutare attrici e attricette attraverso disinvolti ""provini"". Per esecrabile che sia, nonchè ripugnante, non è il solo e questo andazzo è cosa nota, di qua e di là dell'Oceano,  e non da oggi. Questa è una forma di prostituzione come un'altra, forse ancora più avvilente e meschina di chi si vende per mangiare. Qui i motivi sono l'ambizione, la smania di comparire, il miraggio dei guadagni facili, il desiderio di primeggiare sgomitando, o ancheggiando, pur di garantirsi una vita di agi, di privilegio nonchè la fama. Ora, dopo aver taciuto per anni,   le attrici molestate, a frotte, lo denunciano per stupro e molestie. Danneggiando, in realtà, le donne comuni che di  stupri  e  violenze sono vittime davvero. 

 


Non si placa il clamore per l’ennesimo “”scandalo sessuale”” in cui è coinvolto uno dei più potenti  di Hollywood, Harvey Weinstein.

Un tizio che, francamente, se non fosse ricchissimo, potente etc. etc… faremmo fatica a distinguere in una folla di scimpanzé, se non fosse per il fatto che, a differenza di questi, indossa gli abiiti. Nessuno ha colpa dell’aspetto, come ho sempre detto e cosa della quale sono convinta. Tuttavia, alcune persone fanno pensare che troppo frettolosamente si siano accantonate e talvolta ridicolizzate le teorie del buon Lombroso. L’aspetto brutale e rozzo, indicatore di bassezza morale e appetiti bestiali, in questo caso ci azzecca, così come certi nasi a punta che apparterrebbero a persone malvagie. Sinceramente, io qualche esempio in tal senso potrei farlo, ma andrei fuori tema.

Tornando a ciò che attualmente ha travolto il personaggio notissimo e potente, quello che nella vita di una “”stellina”” come pure di una star affermata poteva fare la differenza, (ossia fare un film, o no, ottenere una scrittura o essere in perenne attesa accanto al telefono di una particina, essere raccomandate o ignorate…) si moltiplicano, a distanza anche di svariati lustri, le denunce di attrici, anche famosissime, che sono passate dalle forche caudine, diciamo, di questo signore.

Lasciano perplessi, tuttavia, queste denunce postume, quando ormai il personaggio in questione è caduto in disgrazia, così come lasciano perplessi, assai perplessi, i sorrisi, gli abbracci, le dichiarazioni di stima e iperbolica ammirazione (la Streep ebbe a definirlo “”DIO””…niente meno… e Michelle Obama lo descrisse come  «una persona magnifica».)  di paladine della dignità femminile, di femministe a oltranza, di persone che hanno come missione nella vita quella di demolire il maschilista Trump e, contemporaneamente, trovavano normalissimo, fino a ieri, fare foto con lui, esilarate dall’abbraccio con il produttore, erano ben liete di fare foto scattate in svariate epoche, persino anni dopo la violenza denunciata, nel caso di Asia Argento. Fra l’altro… se, come dice la Argento che ha rilasciato interviste esclusive sul tema e inonda i social di messaggi, era terrorizzata, perchè non ha gridato, scalciato… o, almeno, perchè dopo non si è confidata subito con suo padre? dato che queste cose sono risapute, veri e propri segreti di Pulcinella, trovo abbastanza stridenti ora le immagini che immortalano le più bacchettone e severe con questo signore al cui confronto anche il peggiore Trump, definito da queste paladine delle donne, come becero e maschilista, appaia come una specie di gentiluomo.

Ora potete immaginare quanta poca pena mi possa fare Harvey Weinstein, un individuo che mi farebbe scegliere le scale, anche in un grattacielo. qualora dovessi dividere l’ascensore con lui. Detto questo, si conferma, assai tristemente, anche per lui, il vecchio detto che “”dall’albero caduto tutti fanno legna””… come a significare che, quando uno è caduto in disgrazia, anche se decisamente meritata, come nel suo caso, tutti ne approfittano. Ci sono persone che si mettono in mostra “” a prescindere”” , senza inibizioni, senza scrupoli, con qualsiasi mezzo, passando sopra ogni cosa, repulsione fisica, senso del ridicolo, altre persone stesse. Non parliamo di cose ridicole e fuori moda, come la dignità personale o come come la morale, in un mondo che dell’amoralità ha fatto la sua religione più potente, decisamente più pericolosa e oppiacea di qualunque altra.

Inoltre, stiamo parlando di un segreto di Pulcinella, di cose che tutti di qua e lì là dell’Oceano, ben conoscono e non da oggi. Questa è una forma di prostituzione come un’altra, forse ancora più avvilente e meschina di chi si vende per mangiare. Qui sono l’ambizione, la smania di comparire, il miraggio dei guadagni facili, il desiderio di primeggiare sgomitando, o ancheggiando, pur di garantirsi una vita di agi, di assoluto privilegio nonchè la fama.

Sono terribili, in particolare piuttosto, due cose : che di alcuni, come questo poveraccio di Harvey Weinstein, si parli e di altri, intoccabili, lerci e indifendibili quanto lui, persino pedofili, tacitamente sia impedito parlare o scrivere qualcosa. Erano geni, alcuni di essi, come ad esempio Charles Chaplin… che ebbe Lita Grey fra le sue più giovani conquiste ( dodici anni…) ma che nessuno ricorda certo per queste poco onorevoli abitudini. E dispiace anche che, purtroppo, da queste squallide “”forche caudine””, di cui si hanno circostanziate notizie fin dagli anni ’20,  non escano più attrici stelle di prima grandezza, cui purtroppo si schiusero le porte di Hollywood solo attraverso la concessione, (comunque a giovani produttori, spesso anche di bell’aspetto e attraenti)  di favori sessuali… ma escano, tutto sommato, attrici di modesto talento, alcune solo dotate di bellezza, altre nemmeno di quella.

Infine, dichiararsi vittime di stupro, danneggia le donne qualsiasi, quelle che veramente sono vittime di violenze.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto,  qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto portano direttamente ai relativi pezzi.  Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

 

Segreti di Pulcinella, di qua e di là dell’Oceano

di A.D.Z.

Sinistra Catto-Comunista e Capitalismo

di Massimo Nardi

La Sinistra Catto Comunista e il Capitalismo piu’ sfrenato con le parole Democrazia, Civilta’ e Integrazione, stanno demolendo l’identita’ di una Nazione. A Modena nasce Il Triunvirato di Centro Destra (Zoppo), per battere La Sinistra.

“”Se non vinco non gioco più””

di Alberto Venturi

Non solo nelle istituzioni, ma nella stessa società civile una forza di minoranza può continuare a svolgere la sua missione convincendo i cittadini della bontà della visione di società proposta. Quando invece la priorità è governare, non importano più le idee da proporre, i progetti da realizzare, ma le risposte da dare gradite alla maggioranza degli elettori e ‘la gente’ non sempre ha i pensieri migliori; ciò che è giusto lascia il posto a ciò che conviene, il difficile al facile.

Alla ricerca dell’innesto perduto: Blade Runner 2049

di Francesco Saverio Marzaduri

Ideale “”Capitolo Secondo”” del  capolavoro di Ridley Scott uscito nel 1982, Blade Runner 2049 riflette al meglio sull’evanescenza e la labilità dell’era digitale. È il cinema del nuovo millennio a consentire questa risurrezione: ecco il vero “miracolo” di cui anche un replicante può rendersi capace. La dimensione oltre della nuova possibile realtà, e del cinema da questa concepito.

“Nella Rete”

di Roberto Armenia

Dopo il successo del volume di Aldo Cazzullo  e figli , il tema della Rete e dei social network è sviluppato nel romanzo per ragazzi, “NELLA RETE” di Georgia Manzi, che inaugura, sabato 21 ottobre , l’attività della nuova “Associazione  Culturale  no-profit “RelArte” (Religione-Arte) di Modena

I Due Giardini

di Eugenio Benetazzo

Un’inconsueta, gradevolissima benchè inquietante metafora, protagonisti due fratelli e i rispettivi giardini. Curati e abbelliti, arricchiti in maniera differente… con risultati profondamente diversi. Le conseguenze di due modus operandi esattamente antitetici. Una lezione sulla capacità di governo e sulla lungimiranza di alcuni e sulla miopia e inadeguatezza di altri, tali da portare, benefici o disastri, per i singoli e per le nazioni.

 

Auguro a  tutti buona settimana e buona lettura del n. 579 – 257

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...