Seggiolino all’italiana

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Mai una volta che una legge possa entrare in funzione nei tempi previsti; iniziano allora i rinvii e prima o poi dimentichiamo tutto. I regolamenti mancanti e l'atavico vizio nostrano di muoversi soltanto all'ultimo secondo riescono a mandare in vacca le migliori intenzioni.

 


Come può un governo italiano qualsiasi, compreso questo, illudersi di riuscire a risolvere un problema complesso come l’Ilva di Taranto o ridurre il deficit senza lacrime sangue, se non riesce neppure a programmare l’entrata in vigore di una legge semplice come quella dei seggiolini anti-abbandono?
L’obbligo doveva scattare ieri l’altro, ma non si trovano, non si sa quali scegliere, non si capisce se, quando e come comminare le sanzioni, come ottenere il rimborso di 30 euro del contributo di 30 euro per l’acquisto.
La ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli, con un video postato sul suo profilo Facebook (ovviamente non su quello del Ministero perchè si sa, un ministro non è più una carica istituzionale ma partitica. Dovremmo obbligare tutti coloro che hanno cariche pubbliche a sospendere i propri social e a parlare soltanto con le voci ufficiali) ha dichiarato la disponibilità del governo a posticipare l’applicazione delle sanzioni.
Mica una volta che una legge possa entrare in funzione nei tempi previsti; iniziano allora i rinvii e prima o poi dimentichiamo tutto. I regolamenti mancanti e l’atavico vizio nostrano di muoversi soltanto all’ultimo secondo riescono a mandare in vacca le migliori intenzioni.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un