Se Renzi propone fiducia su decreto NCD esca dalla maggioranza

Condividi su i tuoi canali:

None

Luca Ghelfi (Comitato per una “”Banca Popolare””): 

Leggere che il Premier – come ha dichiarato pubblicamente, sia disposto, sul decreto relativo alle banche popolari, a mettere la fiducia, poichè sulle banche popolari circolano interessi che hanno creato danni al sistema, è contro verità e smentito dai fatti di cronaca di questi anni>, afferma Luca Ghelfi del Comitato per una ‘Banca Popolare’

MPS, CARIGE E BANCA delle MARCHE sono SPA – continua Ghelfi –  che hanno visto al loro interno gestioni fallimentari. Forse il Presidente del Consiglio vuole spostare l’attenzione sulle popolari per questo motivo, visto che il PD era parte integrante nella gestione di MPS. O forse quando il premier parla di “”danni”” si riferisce al commissariamento della banca di credito cooperativo Fiorentino? In ogni caso credo che anche una parte del  PD abbia una idea diversa da quella del segretario. Se così fosse, sarebbe il caso di “”battere un colpo”” su una questione che è determinante per il nostro territorio. Politicamente parlando se il decreto non verrà modificato ed il premier metterà la questione di fiducia, per NCD non resterà che passare all’opposizione. Se così NON fosse, in molti ne trarrebbero le relative conclusioni

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria