Se questi sono i cristiani…ben vengano gli atei.

Condividi su i tuoi canali:

None

Se essere cristiani è questo, esigere il crocefisso[1], magari anche all’osteria, per bestemmiarlo più comodamente, se si biascicano preghiere e si nega  agli altri il diritto di parlare, se ci si avvoca a Dio, e ci si sente dei padreterni superiori al nostro prossimo… ben vengano allora  “i  senza Dio”.

Questi cristiani mi ricordano certi pacifisti e  non violenti,  che in nome della pace e della fratellanza, rovesciano  macchine e cassonetti, incendiandoli e distruggendo al loro passaggio  vetrine e vari  elementi di arredo urbano…

O certi  iracondi vegetariani, che sostengono, con arroganza  e protervia inaudite, che la carne fa diventare violenti e sanguigni, in pratica “cattivi”…

O certe  femministe, presunte donne libere, schiave invece della carriera, della moda, del denaro…e che considerano certo inferiore a loro la donna che desidera, sopra ogni altra cosa,  creare un’oasi di  serenità, di pace , di allegria e di tenerezza, per il suo uomo e per i suoi figli.

Sono le nostre contraddizioni, frutto dell’ipocrisia, che ci fa accogliere come oro colato tutto ciò che in qualche modo ci soddisfa, ci adula, ci dà ragione… e ci fa disprezzare, e negare, tutto ciò che riconosciamo, sì, come vero… ma che ci disturba, ci fa mettere in discussione, ci chiede un  esamino di coscienza, ci chiede di essere umili e disposti ad imparare qualcosa anche dagli altri…

Il cristianesimo non è pretendere di essere i migliori, forse è cercare di esserlo, nel vero senso della parola. Non è imporre  il nostro personale credo, semmai è darne un esempio positivo, che qualcuno potrebbe seguire.

Non dobbiamo comportarci in modo che i detrattori dei cristiani  abbiano fondati motivi per esserlo e, soprattutto , il crocefisso non deve essere un’arma, tanto meno  un gadget, che ci accomuna, come il portachiavi della squadra del cuore, o la spillina del liceo.

Per chi ha il dono della Fede, è il simbolo di Cristo e della redenzione dell’Umanità,  ma, ad esempio, per uno stilista,  invece, la croce è  una delle forme più sfruttabili.

 La croce “rende bene” sia nei materiali più preziosi e pretenziosi, sia (per i miei gusti ancora di più) nelle linee  essenziali e semplici,  dell’acciao, dell’argento…

E proprio nell’ostentazione imposta dalla moda, accade che la croce,  uno strumento di morte, e di una morte orribile, e insieme simbolo di speranza e di redenzione, perda  completamente questi significati…

E’ bella da indossare, perché ha una bella forma, è suggestiva, né più né meno di  una chiave di Sol, o di una stella, un di un cuore…così adatti da appendere a una collana…

Ma come, ovviamente, non possiamo considerare questa una dimostrazione del nostro essere cristiani,  allo stesso modo  non lo  è  certo il voler imporre  il ritorno, a tutti i costi, del crocefisso,  nelle  scuole, nei tribunali, negli uffici pubblici e non…in particolare quando la motivazione non va oltre il  “perché lo dico io” .

Per qualunque motivo lo si voglia, questo ritorno del crocifisso, per abitudine, per rassicurante continuità, per demagogica ricerca del consenso o per profonde convinzioni religiose  è comunque diventato difficile da realizzare

Questo perché, troppo facilmente, in un passato recente, in una ubriacatura di laicismo e di libertà da ogni “oppio dei popoli”, si è accettato, o addirittura voluto, che venisse rimosso,  in nome di ideologie, o forse anche di mode, o per non “urtare la sensibilità” di pochi…o semplicemente per timore di  essere giudicati bigotti, vergognandosi  quasi di aver fede… il che mi appare la cosa peggiore, perché è come mentire a sé stessi.

Ora,  come far valere i diritti di chi vuole  vedere il crocefisso appeso, e, contemporaneamente, i diritti di  coloro i quali, invece, difendono il loro diritto a NON VEDERLO e che sembrano in questo  essere più determinati e arroganti?

Difendere il diritto a NON VEDERE il crocefisso è discutibile forse, come se , entrando  in uno scompartimento per fumatori , io , non fumatrice, venissi sanzionata  perché non mi accendo una sigaretta come tutti gli altri…

Ma, spesso , anche in altri campi, nella nostra società regna la contraddizione più grande.

Dal classico …“chi ruba una mela va in prigione, chi ruba i miliardi no” …ai liberi profes
sionisti che dichiarano redditi risibili e lasciano che a pagare le rette stratosferiche negli asili nido siano i ricchi impiegati… agli extracomunitari che vivono nell’indigenza  e possiedono televisori, veri home theatre, e inalberano antenne paraboliche e satellitari…

Quindi , nessuna meraviglia.

Per discutibile che sia, comunque, il predetto diritto a vedere, o a NON vedere il crocefisso,  tutto ciò deve essere  in qualche modo regolamentato.

La democrazia, che  riconosce  i diritti di ogni  minoranza, non deve impedire  i diritti della maggioranza ,  anche se non è assolutamente detto che la democrazia sia lo strumento valido in assoluto per operare le scelte migliori.

Questo dipende dalla preparazione di chi esprime il proprio voto, e qui il tema si fa davvero difficile, perché è più facile fare la conta ( talvolta pure la ri-conta) delle schede elettorali, o dei voti espressi alla Camera o in Senato, piuttosto che preparare gli individui alla libertà di pensiero,  e  creare gli strumenti  della  conoscenza nei cittadini  chiamati a votare.

Tutto questo accade  mentre il mondo cristiano, e cattolico in particolare, diviso tra colpevole indifferenza e ignavia, lascia via libera ai partiti politici italiani e ai politicanti di ogni statura, anche bassissima. Politicanti  che ghiottamente faranno, anche di questa causa, un  argomento di lotta elettorale, né più né meno di tutte le altre cause.

Se Gesù Cristo indossasse una giacchetta, piuttosto che una tonaca, si potrebbe dire che ora questo, ora quel partito, Lo tira per la giacchetta appunto… adattandoLo alle sue  più utili convinzioni e strategie ideologiche…La verità è che nessun partito politico  e, meno che mai, nessuno schieramento composito, può arrogarsi il diritto di essere un difensore del cristianesimo…

Se da una parte giova ricordare quanto Gesù sia stato misericordioso e indulgente, verso ogni peccatore, con l’ icona edulcorata, da santino benedicente, …sarebbe bene, tuttavia, non dimenticare che quello stesso “santino” prese a staffilate i mercanti nel tempio e, a chi scandalizzava i fanciulli, suggerì di fare buon uso di una pietra da mulino…

 

Scritto da  Maria, il 3 dicembre 2006

 

 

 



[1] La parola  Crocefisso con l’iniziale maiuscola,  sta ad indicare Gesù, mentre crocefisso, minuscolo, è la sua rappresentazione.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire