Sciopero degli Edicolanti; cosa intendono fare le Amministrazioni comunali e regionali in sostegno a questa categoria?

Condividi su i tuoi canali:

None
“”La rivoluzione informatica degli ultimi anni impone una serie di cambiamenti e la responsabilità della crisi complessiva della editoria non è da imputare certo agli editori, detto questo però il presidio sociale e culturale rappresentato dalle edicole non può essere cancellato. Sono al fianco degli edicolanti nella loro battaglia””. Così il capogruppo di Forza Italia in Regione Andrea Galli oggi presente alla mobilitazione nazionale messa in campo anche a Modena dal sindacato Sinagi, Snag e Usiagi per protestare contro il mancato rinnovo dell’accordo con gli editori scaduto 10 anni fa.
 
“”La crisi economica, la chiusura di migliaia di edicole e la perdita di posti di lavoro, hanno contribuito al calo della vendita di quotidiani – afferma Galli -. Il moltiplicarsi delle testate on line da solo non garantisce un pluralismo informativo e questo penalizza non solo il settore, ma l’intera collettività. Per salvaguardare il mondo editoriale, che a livello economico è ancora strettamente legato alla vendita del cartaceo, occorre dunque salvaguardare la filiera distributiva rappresentata dalle edicole concedendo il necessario adeguamento economico per gli edicolanti. Dal punto di vista istituzionale appoggio in pieno la richiesta della convocazione della Conferenza Stato-Regioni per attuare la legge 50 del giugno 2017 in tema di distribuzione e vendita dei prodotti editoriali, a cominciare dalla programmazione territoriale delle nuove aperture””.
 
Ho presentato in Regione Emilia Romagna e presso il Comune di Modena 2 interrogazioni analoghe su COSA vogliono fare queste due Amministrazioni per aiutare questa indispensabile rete d’Informazione
^^^^^^^^^^^^^

 

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

 

Il sottoscritto Andrea Galli, Consigliere Regionale di Forza Italia e Capogruppo di Forza Italia,

 

          

                                                                  premesso che

  • che nella giornata di lunedi 28 u.s. è stato realizzato in tutta Italia uno sciopero degli edicolanti per protestare contro il mancato rinnovo del contratto di servizio con gli Editori, contratto che non viene rinnovato da quasi 10 anni ;
  • che la rete delle edicole è fondamentale per mantenere il pluralismo dell’Informazione oggi da molte, troppe parti, sminuito o negato;
  • che la Libera Informazione è non solo richiamata dalla nostra Costituzione all’art.21 ma è stata, ad evidenza dei fatti, strumento di Conoscenza e di Progresso individuale e Sociale negli ultimi settantanni;

                                                                   sottolineato

che la crisi delle Edicole, crisi che ha portato alla chiusura in Italia di migliaia di punti vendita e alla conseguente perdita di posti di lavoro è legata a molti fattori tra cui la Crisi economica generalizzata, i prezzi ridortti anche del 70% quando venduti in abbonamento, le nuove tecnologie che hanno limitato la diffusione del prodotto cartaceo, la riduzione del prezzo dei prodotti in vendita mediante la politica del Cut Price ( due prodotti al prezzo di uno);

                                                       si esprime preoccupazione

per la perdita di molte decine di posti di lavoro a Modena, dove è stato realizzato un presidio davanti alla sede del Resto del Carlino, e di centinaia nell’intera Regione e

                                       s’interroga l’Amministrazione per sapere se:

 

 

  1. se è a conoscenza di questa situazione;
  2. se intende procedere in una politica di sostegno alla Rete delle Edicole mediante l’implementazione della stessa con i Comuni emiliano romagnoli attraverso l’ampliamento di Servizi in concessione come ad esempio il ritiro di certificazioni anagrafiche e/o altro

 

^^^^^^^^^^^^

 

                                     alla cortese attenzione del Presidente del Consiglio  Comunale

                                                                                   Francesca Maletti

 

Interrogazione, oggetto: sciopero degli Edicolanti; cosa vuole fare l’Amministrazione comunale per aiutarli?   

 

                                                                  Premesso che

  • che nella giornata di lunedi 28 u.s. è stato realizzato in tutta Italia uno sciopero degli edicolanti per protestare contro il mancato rinnovo del contratto di servizio con gli Editori, contratto che non viene rinnovato da quasi 10 anni ;
  • che la rete delle edicole è
    fondamentale per mantenere il pluralismo dell’Informazione oggi da molte, troppe parti, sminuito o negato;
  • che la Libera Informazione è non solo richiamata dalla nostra Costituzione all’art.21 ma è stata, ad evidenza dei fatti, strumento di Conoscenza e di Progresso individuale e Sociale negli ultimi settantanni;

                                                                   sottolineato

che la crisi delle Edicole, crisi che ha portato alla chiusura in Italia di migliaia di punti vendita e alla conseguente perdita di posti di lavoro è legata a molti fattori tra cui la Crisi economica generalizzata, i prezzi ridotti anche del 70% quando venduti in abbonamento, le nuove tecnologie che hanno limitato la diffusione del prodotto cartaceo, la riduzione del prezzo dei prodotti in vendita mediante la politica del Cut Price ( due prodotti al prezzo di uno);

                                                       si esprime preoccupazione

per la perdita di molte decine di posti di lavoro a Modena, dove è stato realizzato un presidio davanti alla sede del Resto del Carlino e

                                       s’interroga l’Amministrazione per sapere se:

  1. se è a conoscenza di questa situazione;
  2. se intende procedere in una politica di sostegno alla Rete delle Edicole mediante la concessione di Servizi e/o una maggiore implementazione della stessa con i Servizi Comunali come ad esempio il ritiro di certificazioni anagrafiche e/o altro;
  3. se in una Politica di sostegno ritiene possibile/condivisibile attuare misure come la cancellazione/riduzione della TARI o, ove possibile, dell’IMU

 

 

 

 

 

 

    

 

                                                                                                  

                                                                                         
 

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati