Sci: Lega, governo sacrifica montagna, chiusura piste sci è comparto in ginocchio

Condividi su i tuoi canali:

None

Roma, 4 dic. – “”Uniamo le nostre voci in modo forte e deciso al grido di aiuto lanciato dai maestri di sci italiani e da tutto il mondo che ruota attorno agli sport invernali.  Parliamo di 15.000 professionisti della neve e 400 scuole sci distribuite in tutta Italia, messe in ginocchio dalle misure del nuovo DPCM varato dal Governo. Chi vive la montagna sa benissimo che derubricare lo sci a un semplice passatempo per alcuni, o peggio a un vezzo per i ricchi, è un modo per offendere un intero settore. La montagna dimenticata e abbandonata dal governo centrale vive di turismo e cancellare per decreto le settimane sulla neve natalizie, è un modo per gettare nella disperazione centinaia di famiglie che fanno di questa occupazione il loro lavoro e la loro unica fonte di sostentamento. Parliamo di persone che per generazioni, con impegno e sacrifici indescrivibili, hanno realizzato sistemi d’eccellenza legati al mondo del turismo invernale. I maestri di sci sono uno dei perni di questo sistema e pensare che siano una pedina sacrificabile in nome di un malposto obiettivo di sicurezza sanitaria è gravissimo. A chi chiede semplicemente di lavorare, non come se il Covid non ci fosse, ma rispettando e facendo rispettare le regole, il governo ha risposto picche, promettendo fantomatici ristori. Beffa su beffa. La montagna non dimentica e a questa sofferenza imposta da un governo sordo e cieco saprà dare una risposta””.

Così una nota i parlamentari della Lega Stefano Corti e Laura Cavandoli.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo