Scarlett Johansson Ministro degli Esteri!

Condividi su i tuoi canali:

La nota attrice in un video su Youtube chiede la ‘scarcerazione immediata’ di quattro appartenenti all'ONG egiziana per la difesa dei diritti civili ""Eipr"" tra cui Patrick Zaki: “Questi uomini hanno speso la loro vita lottando l'ingiustizia e ora si ritrovano dietro le sbarre”. “Il loro unico crimine è stato quello di difendere la dignità degli egiziani"".

Link al video sottotitolato: https://is.gd/VF9FnB


Il giudizio più sferzante sul nostro ministro degli esteri lo ha dato già dieci mesi fa Paola Deffendi, madre di Giulio Regeni: “Fa parte della serie di chi entra nei palazzi, cammina sui tappeti rossi, e cambia”, seppellendolo sotto un “Andate a vedere che cosa ha detto Luigi Di Maio nel 2016 su Giulio quando era all’opposizione e che cosa dice in questi giorni da ministro su Zaki. È vergognoso”,

Si riferisce a quanto dichiarato da Di Maio grillino, nel 2016: “L’auspicio è che il governo italiano si faccia sentire interrompendo ogni relazione col Cairo, a partire dall’immediato ritiro del nostro ambasciatore. La vita di qualsiasi cittadino italiano vale più di ogni altro interesse economico”.

Su Zaki invece il ministro ha detto che sarebbe sbagliato richiamare l’ambasciatore.

Potrebbe essere un sano ripensamento di chi sbatte la faccia contro la realtà, ma il silenzio che da troppo tempo è calato su Zaki da parte del ministro è mortificante e umiliante per l’Italia. Ho cercato invano sui comunicati della Farnesina in novembre un qualsiasi comunicato ufficiale sulla vicenda.

Perciò chiedo al premier Conte di nominare ministro degli esteri Scarlett Johansson che in un video su Youtube chiede la ‘scarcerazione immediata’ di quattro appartenenti all’ong egiziana per la difesa dei diritti civili “”Eipr”” tra cui Patrick Zaki: “Questi uomini hanno speso la loro vita lottando l’ingiustizia e ora si ritrovano dietro le sbarre”. “Il loro unico crimine è stato quello di difendere la dignità degli egiziani””.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per