Scandalosi guadagni per le società energetiche!

Condividi su i tuoi canali:

Ritengo che l'energia sia un bene dell'umanità sul quale non si possano generare profitti, ma so come vanno queste cose: a pagare sarà l'anello più debole della catena: noi. Però non mi rassegno e spero che il governo proceda.

 


Sarebbe scandaloso che le aziende di servizi energetici presentassero bilanci con guadagni, dimostrazione palese che tutti i rincari vengono scaricati sui consumatori per mantenere al sicuro i dividendi degli azionisti.

Il governo sta studiando “”una tassa sugli extra-profitti delle società energetiche, per calmierare il caro-bollette”” (Ansa).

Per il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.

è “”opinione condivisa all’interno del governo”” che serva tassare i guadagni fatti dalle utilities grazie all’aumento dei prezzi del gas””. Giuseppe Conte propone “”un contributo di solidarietà da parte degli operatori””. Per il segretario di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni, occorre chiedere “”a chi ha fatto grandi profitti da questo aumento del prezzo del gas di condividerli con il resto della società””.

Io sarei più duro ancora perché ritengo che l’energia sia un bene dell’umanità sul quale non si possano generare profitti, ma so come vanno queste cose: a pagare sarà l’anello più debole della catena: noi. Però non mi rassegno e spero che il governo proceda.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati