Sassuolo: lo sgombero di via Adda è inevitabile, ma…

Condividi su i tuoi canali:

None

segnala l’incapacità del Comune di Sassuolo di proporre soluzioni durature ai problemi.

 

I problemi di ordine pubblico , igienico-sanitari,  spaccio di droga ( venduta a molti consumatori sassolesi-italiani) , che caratterizzano la vita nel palazzo di via Adda e dintorni,  si mescolano  ad un altro noto fenomeno: posti letto anche per 800 € mensili, che una parte degli stessi proprietari e/o inquilini del palazzo (sia italiani  che magrebini) esigono da altri immigrati, sia regolari che non. I quali pagano perché non sanno dove altro dormire.

Canoni di locazione da usura  -che sfuggono totalmente al fisco – per posti letto indecenti, che alimentano una rendita immobiliare  resa possibile da un mercato, il nostro, che non offre alternative a quelle persone. Alcune delle quali lavorano , o lavoravano,  nelle fabbriche  e nelle officine del territorio. Il degrado di quel palazzo ha anche queste origini. 

Al punto in cui si è giunti, lo sgombero appare inevitabile e va realizzato   aiutando nel modo giusto le famiglie in difficoltà , non strumentalizzando la vicenda con le stupidate a cui la Lega nord ci ha abituato. Ammesso che si riesca a risanare e ristrutturare il palazzo (da parte di chi?), cosa  pensa di fare il Comune di Sassuolo perché non si ricreino in poco tempo le stesse identiche situazioni di degrado ? Come è già avvenuto nel quartiere Braida dove spaccio e  fenomeni di insicurezza stanno tornando com’erano prima dell’abbattimento del “palazzo verde” e dello sgombero di quello di via circonvallazione. Un conto è soffiare sul disagio dei cittadini, altro risolvere problemi.

Non si può continuare a vivere di proclami o di sgomberi che  alla lunga lasciano il tempo che trovano.  Servono  idee per la convivenza positiva ,risorse e volontà per realizzarle, in un momento di transizione economica e sociale del distretto con conseguenze gravi sull’occupazione e sui redditi. Che fare? A parte le indispensabili azioni delle forze dell’ordine servono :

A)    la disponibilità sul mercato di alloggi dignitosi  a prezzi contenuti ;

B)     la rapida messa a disposizione (da parte di Acer e dei Comuni ,  col contributo delle associazioni imprenditoriali) di posti letto a canoni calmierati per immigrati regolari o italiani che lavorano qui e abitano altrove;

C)    mediatori interculturali che per qualche anno aiutino proprietari e inquilini dei condominii a rischio a realizzare buona vivibilità per sé e gli abitanti del quartiere (altre  città , Parma, Reggio E, Milano ecc. hanno già esperienze del genere, con buoni risultati) ;

D)    incentivare , da parte del Comune di Sassuolo, la presenza  nei condominii sia di italiani che di immigrati.

E)     Controlli adeguati a colpire i proprietari di alloggi che lucrano sulle disgrazie degli immigrati,

F)     deliberare con urgenza un nuovo “progetto Braida”. 

La Giunta Caselli nella vicenda non brilla: non ha avanzato una sola idea sul dopo sgombero, ha affossato il “progetto Braida” della precedente amministrazione. senza sostituirlo con nulla e senza sostenere i Comitati dei cittadini, sembra incapace  di governare le grandi, e non rinviabili, questioni (demografiche, abitative, culturali, economiche) legate anche all’immigrazione ed al trend economico a Sassuolo e nel distretto. 

Non è un caso che le scelte di buon senso che abbiamo proposto facciano a pugni con quelle del governo nazionale e con le idee che hanno portato la maggioranza che sostiene Caselli a vincere a Sassuolo.   Speriamo d’ora in poi prevalga il buon senso.

 

 “Sinistra per Sassuolo, per il socialismo europeo”      

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione