Sassuolo. La Presidente del Consiglio Comunale Patrizia Barbolini comunica

Condividi su i tuoi canali:

None

Ho creduto nel progetto dell’Ulivo fin dal momento della sua nascita: sono fermamente convinta che il centro sinistra rappresenti una risorsa indispensabile nel governo del Paese.

A maggior ragione a Sassuolo, dove le forze che rappresentano il centro sinistra hanno, da sempre, dimostrato di saper governare bene una realtà variegata e al tempo stesso ricca di risorse economiche, umane e sociali come la nostra.

Per questo motivo, nel 2004, ero all’interno dei Democratici di Sinistra a sostegno del candidato a sindaco Graziano Pattuzzi; un sostegno leale a sindaco e Giunta che non ho mai fatto venire meno in questi cinque anni di legislatura, che garantirò fino all’ultima seduta del Consiglio Comunale ed anche in seguito qualora, come mi auguro, Graziano Pattuzzi sarà nuovamente eletto a Sindaco di Sassuolo.

Il mio impegno in politica è sempre stato nel segno della coerenza con gli ideali ed i valori che da sempre contraddistinguono il centro sinistra.

Una coerenza che intendo mantenere appoggiando una lista che ritiene prioritario il governo di centro sinistra, un centro sinistra unito e coeso, nel governo della città.

Una lista che, proprio per questi motivi, non presenterà un candidato a Sindaco ma appoggerà la candidatura di Graziano Pattuzzi esprimendo progetti, quali la laicità e i diritti universali dell’uomo delle donne, dei  fanciulli e dei lavoratori, e le azioni idonee a portarli avanti.

Una coerenza che intendo mantenere nell’impegno di portare avanti, in queste ultime sedute del Consiglio Comunale di Sassuolo, i lavori del civico consesso in qualità di presidente, garantendo l’indipendenza di tutti i consiglieri fino al termine del mandato amministrativo

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava