Sassuolo : APPROVATA LA QUOTA A CARICO DEL COMUNE, PER CATEGORIE SPECIALI, DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

Condividi su i tuoi canali:

None

 

APPROVATA LA QUOTA A CARICO DEL COMUNE, PER CATEGORIE SPECIALI, DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

 

 

Sarà di 87 €, su un totale di 147 €, la quota a carico del Comune di Sassuolo per gli abbonamenti al Trasporto Pubblico delle categorie a tariffa agevolata.

 

Lo stabilisce la Delibera di giunta n° 40 del 15 marzo scorso avente ad oggetto “Accordo regionale Tariffe Agevolate di abbonamento annuale di trasporto a favore di categorie sociali di cui alla Dgr N. 1982/2015 – Approvazione della quota contribuzione a carico del Comune per il Trasporto Urbano – Anno 2016” pubblicata all’Albo Pretorio.

 

Le categorie oggetto del contributo per l’abbonamento “Mi Muovo Insieme” a tariffa agevolata sono : famiglie numerose (con 4 o più figli e con ISEE non superiore a 18.000,00 euro); disabili ed altre categorie; anziani; rifugiati e richiedenti asilo; vittime di tratta di esseri umani e grave sfruttamento.

 

L’abbonamento rilasciato ad invalidi a cui sia stato formalmente riconosciuto il diritto all’accompagnatore costituisce titolo per il viaggio anche di quest’ultimo senza alcun sovrapprezzo.

 

Il costo abbonamento annuale urbano 2016 è pari ad €147 di cui, come approvato in Delibera di Giunta, 87€ a carico dell’Amministrazione comunale e 60€ a carico dell’utente

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati