Sanità Modena. Elisoccorso Pavullo, Serri (Pd): necessario velivolo più tecnologicamente avanzato

Condividi su i tuoi canali:

None

La consigliera dem interroga la giunta per sapere “”se non sia sia necessario potenziare il servizio mediante l’utilizzo di un velivolo più tecnologicamente avanzato””
 

L’elisoccorso di Pavullo nel Frignano, nel modenese, “”l’unico in Emilia-Romagna che ha le caratteristiche per impattare in modo significativo sulla riduzione dei tempi di soccorso e di ospedalizzazione in particolari eventi””, finisce al centro di un’interrogazione della consigliera del Partito democratico Luciana Serri, che chiede alla Giunta “”se non sia sia necessario potenziare il servizio mediante un velivolo più tecnologicamente avanzato””.

“”Negli ultimi 4 anni- spiega la dem- si è assistito ad un incremento dell’utilizzo dell’elicottero di Pavullo, unico velivolo in Emilia-Romagna dotato di verricello, con un trend in crescita del 22% con punte di 586 attivazioni di cui 110 con l’utilizzo di tecniche speciali””. Però, “”le elevate temperature stanno mettendo a dura prova l’operatività del mezzo””.

Dunque, Luciana Serri chiede alla Giunta “”se, vista l’estensione del territorio su cui si trova a lavorare, non sia necessaria l’implementazione tecnologica del vettore, attraverso l’uso di un nuovo velivolo in grado di garantire maggiore autonomia, potenza, velocità di crociera e, non ultima, la possibilità di imbarcare altri soccorritori o personale sanitario in formazione, producendo così un importante miglioramento del servizio””.

(Margherita Giacchi)

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo