Sanità Modena. Barcaiuolo (Fdi): risolvere la carenza di medici di medicina generale

Condividi su i tuoi canali:

None

“”Sarebbe opportuno evitare che gli abitanti di Migliarina siano costretti a recarsi dal proprio dottore a Carpi, si pensi in particolare agli anziani che spesso vanno a piedi o in bicicletta””
 

Risolvere il problema della carenza di medici di medicina generale in provincia di Modena.

A chiederlo, in un’interrogazione, è Michele Barcaiuolo (Fdi) che ricorda come “”a seguito del pensionamento del medico di medicina generale della frazione di Migliarina di Carpi non si è ancora trovato un sostituto. L’Azienda Usl, dopo un incontro con vari responsabili, ha messo a disposizione per la frazione una figura infermieristica di riferimento ampliando la potenzialità dell’ambulatorio. Sono, però, ulteriori le zone scoperte e l’Ausl ha dichiarato che nel corso dell’anno pubblicherà le ‘zone carenti’ dei comuni di Carpi, Novi e Rovereto nella speranza di coprire i posti vacanti””.

Da qui l’atto ispettivo per sapere “”se la Regione non ritenga insufficiente la pubblicazione di bandi nella speranza che i medici accettino le posizioni vacanti e se si stia predisponendo un piano strutturale, valutando anche una rimodulazione degli stipendi e delle assunzioni, al fine di rendere più attrattive le posizioni vacanti per i medici di medicina generale””.

Barcaiuolo chiede inoltre “”quali risultati stia dando l’assunzione di interini e corsisti, frequentanti il corso di medicina generale, in termini di copertura delle aree sprovviste di medico di medicina generale””.

(Luca Molinari)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo