SANITA’. DELL’ORCO (M5S) SUL PUNTO NASCITA DI PAVULLO IL PD CHIUDE LA DISCUSSIONE

Condividi su i tuoi canali:

None

SANITA’. DELL’ORCO (M5S) SUL PUNTO NASCITA DI PAVULLO IL PD CHIUDE LA DISCUSSIONE
Per il pentastellato la sicurezza nella sanità è questione di risorse

 

 

“Bonaccini e il PD emiliano hanno chiuso la discussione sul punto nascita di Pavullo e sono determinati ad accettarne la chiusura. Questo è quanto sembra confermare il deputato PD emiliano Maino Marchi su RTV”. Lo dichiara Michele Dell’Orco, deputato emiliano M5S, a seguito del confronto televisivo andato in onda ieri sera su RTV San Marino che lo ha visto contrapporsi a Marchi sul tema dei tagli alla sanità.

 

“Marchi –spiega il pentastellato – giustifica infatti la chiusura del punto nascita di Pavullo con questioni di sicurezza.  Risposta ovvia e un po’ ingannevole perché certamente  è un problema di sicurezza ma la sicurezza concretamente dipende dalle risorse, è un problema di garanzie che devono essere date e che costano, a partire dal personale specializzato e da moderne  e funzionanti apparecchiature elettromedicali”.

 

Conclude Dell’Orco: “Non possiamo girarci intorno o prendere in giro i cittadini, i tagli alla sanità sono il vero problema, le risorse fanno la differenza tra un polo sanitario di eccellenza e uno di scarsa qualità e poco sicuro. Non dobbiamo arrenderci però perché se un’intera comunità si mobilita le cose possono cambiare”.

 

Guarda il video

https://youtu.be/7Z3-bmZhw3E

 

——–

Michele Dell’Orco

Cittadino Deputato

Movimento 5 Stelle

 

sito internet: http://www.micheledellorco.it
twitter: https://twitter.com/dellorco85
fb:  https://www.facebook.com/pages/Michele-DellOrco/124408587628677
youtube: https://www.youtube.com/user/Pierrotten/videos

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle