Salvataggio ad opera del Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena

Condividi su i tuoi canali:

None

 

modena, due criceti russi gettati in un cassonetto

salvati dai volontari del centro fauna

 

Due criceti russi abbandonati dentro una scatola in cassonetto vicino al parco Amendola a Modena sono stati salvati, martedì 24 febbraio, dai volontari del Centro fauna selvatica Il Pettirosso di Modena avvertiti da alcuni passanti.

Come spiegano i volontari del Centro, molto probabilmente i criceti sono stati ricevuti come regalo durante le festività natalizie e abbandonati (reato punito dalla legge) quando i proprietari si sono resi conto dell’impegno che comporta accudirli quotidianamente.  Episodi analoghi sono accaduti alcuni giorni fa in via Emilio Po sempre a Modena con protagonisti due coniglietti abbandonati in una gabbietta nella neve e a Carpi con il salvataggio di due cavie peruviane abbandonate ai bordi di una strada.

I due criceti saranno affidati a una associazione modenese per una eventuale adozione.    

Il Centro opera sulla base di una convezione con la Provincia di Modena per il recupero e il salvataggio della fauna selvatica in difficoltà.

Per le segnalazioni e richieste di intervento sono attivi 24 ore su 24 alcuni numeri telefonici: 339 8183676-339 3535192 oppure è possibile chiamare anche il servizio 118.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati