Saluto a Suor Lucilla

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Dopo 18 anni di impegno a Fiorano torna alla Casa Madre

 

Sono avvenuti stamane i saluti da parte dell’amministrazione comunale di Fiorano Modenese a Suor Maria Lucilla Resca, che torna alla Casa Madre dopo 18 anni di impegno presso la Casa di riposo Coccapani e la parrocchia cittadina.

Il sindaco Francesco Tosi, insieme alla presidentessa della Fondazione Coccapani, Patrizia Nizzoli, hanno portato gli ultimi saluti ad una persona che col suo lavoro e la sua dedizione è entrata nel cuore dei cittadini fioranesi. La partenza di Suor Lucilla conclude la presenza a Fiorano delle Suore Serve di Maria di Galeazza, arrivate nel 1949 per gestire l’asilo e la casa di riposo, un’opera pia assai cara alla popolazione.

“Il Suo ricordo farà sì che la sentiremo presente – scrive Tosi nella lettera di saluto – e non tramonterà in noi il sentimento di riconoscenza che con forza ora le manifestiamo. Andandosene, sappia che qui Lei ha seminato in abbondanza e i semi buoni continuano a germogliare nel tempo. Il vuoto che inevitabilmente lascia sarà colmato dalla vicinanza spirituale che le persone per bene sanno infondere in chi le ha conosciute e dall’esempio che sopravvivrà alla distanza geografica”.

Suor Lucilla era arrivata l’8 settembre 2002 nella piccola comunità delle Suore Serve di Maria di Galeazza e il suo primo impegno fu dedicato agli anziani ospiti della struttura protetta. In seguito Don Adriano Fornari le chiese di impegnarsi anche come sacrista sia nella parrocchiale che in santuario, trovandosi così quotidianamente a contatto con le persone che frequentano la chiesa, con i loro bisogni e le loro difficoltà.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per