Sabattini: “Cresce l’investimento della Regione per la promozione culturale.

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

In arrivo 448.500 euro nel modenese per 34 progetti”. La Regione punta alla crescita culturale, investendo su festival, spettacoli, mostre, concorsi. Sono 34 i progetti finanziati dall’Emilia-Romagna grazie ai bandi legati alla legge regionale 37 che premia i progetti di promozione culturale.

 

“Nel modenese sono in arrivo 448.500 euro per 34 progetti da Modena a Castelfranco Emilia, da Campogalliano a Sassuolo – dice soddisfatto il consigliere Luca Sabattini –. Si tratta di progetti ed eventi per ogni fascia di età, che hanno l’obiettivo di recuperare e valorizzare la cultura popolare, la storia e le tradizioni locali, sostenendo inoltre la realizzazione di progetti di promozione dell’arte contemporanea, della creatività giovanile, valorizzando i nuovi talenti e la diffusione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. Si tratta di un’occasione per sviluppare e rendere vitali i nostri territori sia dal punto di vista culturale ma anche turistico”.

 

“Verranno finanziati progetti importanti per il nostro territorio – conclude Sabattini –, come il Festival della Filosofia di Modena, che ogni anno registra tantissime presenze anche da fuori provincia e una importante rassegna di concerti a Castelfranco Emilia con il progetto “”Castelfranco una città per suonare””.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

BORGO DEI NONNI

A Lama di Reno il progetto lungimirante per un borgo “speciale” Ilcapogruppo di RETE CIVICA – Progetto Emilia-Romagna Marco Mastacchi ha presentato alla Presidente dell’Assemblea

“CALICI DI STELLE”

LUNEDÌ 8 AGOSTO RITORNA IN CENTRO STORICO A CASTELVETRO “CALICI DI STELLE” CON VINO, CIBO E MUSICA. MERCOLEDÌ 10 A LEVIZZANO OSSERVAZIONI DELLA VOLTA CELESTE

I tartufi alle Salse di Nirano

Alla Riserva di Nirano la sede dell’Associazione Tartufai di Modena che collabora nella manutenzione e pulizia dell’area protetta. Pochi forse sanno che sulle pendici dei