Sabato a Forum Eventi “”Tommy e gli altri””: l’autismo in età adulta

Condividi su i tuoi canali:

None
Sabato a Forum Eventi “”Tommy e gli altri””: l’autismo in età adulta in un docufilm di Gianluca Nicoletti e Luigi Mazzone 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Nell’ambito della Settimana della Salute Mentale “”Màt 2017″” BPER Forum Eventi propone un evento speciale realizzato in collaborazione con l’associazione Aut Aut Modena onlus. Il giornalista Gianluca Nicoletti e il neuropsichiatra infantile Luigi Mazzone sabato 21 ottobre presentano a Modena il docu-film “”Tommy e gli altri””, una raccolta di testimonianze delle famiglie alle prese con l’autismo in età adulta. L’incontro è a ingresso gratuito

Dopo la presentazione dei suoi due libri “”Una notte ho sognato che parlavi”” nel 2013 e “”Alla fine qualcosa ci inventeremo”” nel 2015, il giornalista Gianluca Nicoletti torna a Modena sabato 21 ottobre alle 17.30 a chiudere la sua trilogia sull’autismo con la proiezione di un film realizzato con Massimiliano Sbrolla: “”Tommy e gli altri””. Insieme a lui ci sarà il neuropsichiatra infantile Luigi Mazzone.

Quando nacque Tommy suo padre non c’era, per il suo lavoro di giornalista quel giorno stava a Sanremo per commentare il Festival della Canzone Italiana. Esattamente diciotto anni dopo quella sera padre e figlio si trovano assieme per festeggiare l’entrata di Tommy nell’età adulta e, per ironico paradosso, la sua “”guarigione”” dall’autismo.
In Italia esistono solamente “”bambini autistici””, ma quando diventano grandi cosa sono? Dove vanno? Che fanno? Per dare risposte concrete a questa domanda padre e figlio partono per un viaggio che li porta in giro per tutta Italia a conoscere ?gli altri?, ovvero gli autistici adulti come Tommy a cui non viene più riconosciuto il diritto a una vita sociale, quelli che ancora vivono in casa con i genitori, quelli che prima o poi saranno destinati a essere considerati solo in ragione di “”una retta”” che lo Stato paga a chi ha nel loro mantenimento in vita il suo business, dopo che sarà compiuto il loro inesorabile destino di finire in generiche strutture che tanto ricordano i più detestabili luoghi di segregazione del passato. Nelle famiglie visitate parlano madri e padri, raccontano la loro giornata mentre tengono accanto a loro i giganti ex bambini, a cui hanno dedicato la vita. Dal racconto quotidiano emerge solitudine, abbandono da parte delle istituzioni, fatale attendere che si compia un destino che rappresenta per i genitori il quotidiano spauracchio, sintetizzabile in una domanda che non ha risposte: “”che sarà di mio figlio quando io non sarò più accanto a lui?”” Alcuni tra loro però non si rassegnano, progettano, sognano immaginano le loro città dell’utopia dove i figli potrebbero avere dignità di vita e reale inclusione sociale.

Il film nasce ed è stato realizzato grazie all’incontro di Gianluca Nicoletti e Massimiliano Sbrolla. Già colleghi in una tv romana, si sono incontrati di nuovo dopo trenta anni e hanno deciso di impegnarsi, mettendo in comune le reciproche competenze, in un racconto realistico dell’autismo adulto in Italia.

Ufficio stampa MediaMente                    
339.8850143                
stampa@mediamentecomunicazione.it

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati