Rossini (Fdi-Pdf): “”Uno sguardo oltre il Covid: trasformare il Novi Sad in una palestra a cielo aperto””

Condividi su i tuoi canali:

None

“”Avviare lo studio di un progetto per la valorizzazione del Parco Novi Sad come luogo di attività sportiva all’aperto e valutare a tale scopo l’utilizzo del Palamolza e di altre strutture che si trovano nei pressi del Parco, coinvolgendo nella attuazione del progetto società e associazioni sportive ed enti del terzo settore””. E’ questa la richiesta avanzata in una mozione depositata dalla capogruppo Fdi-Popolo della Famiglia Elisa Rossini. “”Si tratterebbe di realizzare una vera e propria palestra a cielo aperto usando, in risposta alle esigenze dettate dal Covid, il Novi Sad come luogo di aggregazione ludico sportivo e per gli allenamenti delle associazioni modenesi – continua Elisa Rossini -. Non dimentichiamo infatti che a causa della pandemia le attività sportive risultano molto penalizzate, con la chiusura delle palestre che ha caratterizzato, salvo brevi periodi, tutto il 2020. Purtroppo i primi a fare le spese di queste restrizioni sono stati senza dubbio i bambini e i ragazzi, anche in considerazione dell’applicazione della didattica a distanza soprattutto nelle scuole superiori. E’ fondamentale dunque per far fronte al difficile periodo che stiamo vivendo, cercare altre possibilità e avere una visione diversa degli spazi della città. Il Parco Novi Sad è davvero ideale per svolgere attività all’aperto tutto l’anno. In particolare si presta per lo svolgimento di attività aerobica, per corsa amatoriale e camminate, ed è possibile utilizzare la pista e il prato per portare avanti attività strutturate di educazione dei ragazzi allo sport. Eppure da una ricognizione con gli addetti ai lavori tale spazio non è sufficientemente attrezzato. Mancano luoghi dove gli sportivi possano depositare effetti personali e attrezzi ed è parallelamente necessaria una presenza molto più consistente di forze dell’ordine e volontari che possano garantire l’allontanamento degli sbandati che in particolare durante le ore serali creano situazioni di pericolo. L’esempio positivo degli allenamenti già effettuati dai ragazzi della società Avia Pervia Pentathlon Modena dimostrano come sia possibile implementare un modello che restituirebbe anche ai modenesi una zona della città spesso teatro di atti delinquenziali””. “”Un progetto – chiude Elisa Rossini – che si abbinerebbe alla ristrutturazione in corso del Palamolza i cui spogliatoi potrebbero essere resi utilizzabili da parte di coloro che desiderassero accedere al Parco Novi Sad per svolgere attività sportiva coinvolgendo in questa palestra a cielo aperto anche il bar che si trova all’interno del Parco, il Parcheggio del Centro e le piscine Dogali””.  

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle