Rompere le vetrine, come distruggere templi di Palmira

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Scontri Bologna, Sovrintendente Teatro Comunale a Radio 24: Rompere le vetrine, come distruggere templi di Palmira

“La difficoltà è la convivenza di tutti i giorni con forme di degrado sociale. C’è una permanenza di forme di delinquenza nella Piazza che devono essere eliminate. Noi abbiamo incontrato gli studenti, abbiamo parlato con loro e oggi il Teatro è pieno di giovani”. Così il Sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna, Nicola Sani, ha dichiarato in un’intervista rilasciata a Storiacce, di Raffaella Calandra, su Radio 24, in merito agli scontri avvenuti in piazza Verdi, a Bologna. “Quello che c’è qui – ha aggiunto Sani non è diverso da piazze problematiche in altre città italiane. Episodi di vandalismo ci sono stati. Abbiamo avuto in diverse occasioni le nostre bacheche infrante. Ritengo che siano stati episodi che risalgono a un periodo in cui il Teatro era visto come estraneo. Io stesso ho fatto un intervento in cui ho detto: ‘è inutile scandalizzarsi per le distruzioni dei tesori d’arte in medio oriente e poi invece rimanere indifferenti di fronte alle bacheche spaccate del Teatro comunale di Bologna. Fanno parte dello stesso processo, dello stesso percorso”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati