Risposta all’articolo apparso su Gazzetta di Modena

Condividi su i tuoi canali:

None

 

In merito alle notizie apparse recentemente sulla stazione dei treni di Castelfranco Emilia l’Amministrazione comunale, esprimendo tutta l’amarezza dovuta dal tentativo di strumentalizzare il comportamento di un singolo cittadino, ribadisce che il cambio di gestione della biglietteria SETA è unicamente dovuto alla volontà del precedente gestore di non proseguire con il rapporto privatistico diretto tra lo stesso soggetto e SETA e che l’Amministrazione comunale erogava un contributo unicamente finalizzato al servizio integrativo di Informacittà.  Questo contributo rimane nelle disponibilità dell’Amministrazione comunale, all’interno di una progettualità più ampia a servizio dell’intera comunità (e non di un singolo soggetto), che unirà il servizio di informacittà alla gestione e valorizzazione del sistema di viabilità dolce da e per la Stazione di Castelfranco Emilia, nell’ambito di una valorizzazione, anche ai fini sociali, dell’immobile esistente. Questo progetto vedrà la luce entro il presente anno, fermo restando la continuità del servizio di biglietteria SETA, garantito dalla società stessa.

 

 

Addetto stampa Comune di Castelfranco Emilia

3382640620

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo