RIPRESA DELLE REGOLARI ATTIVITÀ ESTIVE DEI CHIOSCHI AL PARCO DELLE RIMEMBRANZE

Condividi su i tuoi canali:

None

Comune di Modena

Consiglio Comunale

Gruppo consiliare Art.1 Movimento Democratico Progressista – Per Me Modena

 

PROTOCOLLO GENERALE   n° 75028 del 23/05/2018 (P.E.C.)

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                Modena 23 Maggio 2018

 

Al Sindaco di Modena

Al Presidente del

Consiglio Comunale di Modena

 

INTERROGAZIONE CON CARATTERE D’URGENZA

 

OGGETTO: RIPRESA DELLE REGOLARI ATTIVITÀ ESTIVE DEI CHIOSCHI AL PARCO DELLE RIMEMBRANZE.  QUANDO SARÀ  POSSIBILE? 

 

Premesso che:

 

  • nel Marzo del 2014, 3 chioschi in fase di rifacimento ed ampliamento come prescritto dalle leggi e dai regolamenti che si sono evoluti negli anni, presenti all’interno del Parco delle Rimembranze della nostra città, venivano posti sotto sequestro dalle Autorità giudiziarie
  • a Giugno 2017, dopo un lungo e complesso iter giudiziario, veniva disposta la rimozione dei sigilli imposti
  • con il dissequestro delle 3 strutture commerciali si potevano riprendere i lavori per la loro ultimazione, fatte salve le disposizioni e limitazioni indicate sulla sentenza di dissequestro    
  • il 1° Marzo 2018 è stato dato, da parte del Comune di Modena, il via libera alla ripresa dei lavori sui 3 chioschi del Parco delle Rimembranze
  • si sta approssimando la quinta estate consecutiva che ha visto, dal 2014 ad oggi, la pressoché completa assenza di esercizi di animazione e ristoro all’interno del Parco delle Rimembranze, che hanno comportato evidenti danni in termini imprenditoriali, occupazionali e di presidio e offerta di servizi a favore dei frequentatori del Parco 
  • dalla stampa locale di questi ultimi giorni si legge che i lavori di ultimazione delle strutture potranno riprendere soltanto dopo l’estate ed essere ultimati entro la fine del mese di Febbraio 2019

 

Considerato 

 

  • che oltre ai 3 suddetti chioschi, sono attualmente presenti altre 2 strutture che sono in attesa di sapere quando potranno attivarsi ed avere l’autorizzazione di svolgere la propria attività per la stagione corrente 
  • i tempi molto ristretti a disposizione delle due suddette attività, per l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni (plateatico, collaudo strutture e impianti, SIAE, programmazione delle attività d’intrattenimento) e per riprendere i rapporti con i propri fornitori, che intendono iniziare la nuova stagione estiva
  • l’annosa desolante situazione d’abbandono in cui versa da ormai 5 stagioni il nostro prestigioso Parco cittadino

 

s’interroga il Sindaco e l’Assessore competente

 

per sapere:

 

  • quando potranno attivarsi le 2 attività ancora in essere per organizzare la nuova stagione 2018
  • se, a partire dalle prossime stagioni, il Comune possa concedere ai gestori di strutture ed attività operanti all’interno del Parco delle Rimembranze, con maggiore anticipo temporale, il benestare ad organizzasi e a ricevere le necessarie autorizzazioni per le attività che intendono svolgere nel Parco
  • se dalla prossima stagione 2019, nella speranza che i 3 chioschi interessati dai lavori che riprenderanno a settembre siano finalmente ultimati e operativi, potranno continuare ad operare anche i 2 chioschi attualmente esistenti

 

 

 

i Consiglieri comunali

 

Vincenzo Walter Stella

Marco Chincarini

 

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo