RIMOZIONE STRISCIONE REGENI, IL PD “”SCELTA IMBARAZZANTE”” Il partito di Sassuolo: “”Necessario continuare a chiedere giustizia, lo appenderemo noi””

Condividi su i tuoi canali:

None

Una partenza che mette in imbarazzo. Dall’inno di Mameli con la mano sul fegato allo sbeffeggiamento della memoria di Giulio Regeni, torturato e ucciso in Egitto nel silenzio del Governo egiziano, i primi passi del Sindaco Menani alla guida di Sassuolo certamente sono lontani dall’essere qualcosa di cui andare orgogliosi. Lo striscione “VERITA’ PER GIULIO REGENI” appeso ai municipi di tutta Italia di certo non ha risolto il mistero sull’uccisione di questo ragazzo, ma è un gesto che ha contribuito a tenere la luce accesa sul dramma che la sua famiglia ha vissuto e che dovrebbe ancora oggispronare il Governo nazionale a battersi perché si sappia la verità. Un gesto simbolo della battaglia per i diritti umani, per supportare famiglie che si ritrovano di fronte a processi condotti ingiustamente. La scelta del Sindaco è inopportuna dato che il caso è tutt’altro che risolto a livello giudiziario e non si è ancora arrivati ad una condanna. Invece non solo si decide di togliere lo striscione, ma si ridicolizza la cosa. Il Menani lo fa togliere dicendo “è impolverato”, traduzione del suo pensiero “chi se ne frega”. Il Partito Democratico di Sassuolo vuole continuare a battersi per la verità pertanto nei prossimi giorni protocolleremo un Ordine del giorno per chiedere in Consiglio comunale al Sindaco Menani di farsi portavoce presso il Ministro degli Esteri perché lo Stato continui ad indagare sull’omicidio di Giulio Regeni. Crediamo infatti sia necessario mantenere alta la guardia su una questione di rapporti internazionali che va anche oltre la questione Regeni. Chiediamo inoltre come Partito di entrare in possesso dello striscione, se non c’è la volontà di affiggerlo nuovamente in via Fenuzzi, affinché possiamo appenderlo alla nostra sede: se l’amministrazione comunale di Sassuolo decide di lavarsene le mani, noi vogliamo fare la nostra parte per continuare a chiedere la verità.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista