RIFORMA SPORT E LAVORO SPORTIVO, L’APPELLO UNANIME DALLA MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI ATLETI A PIAZZA MONTE CITORIO

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None
RIFORMA SPORT E LAVORO SPORTIVO, L’APPELLO UNANIME DALLA MOBILITAZIONE DEI LAVORATORI E DEGLI ATLETI A PIAZZA MONTE CITORIO: RIPRISTINARE L’ENTRATA IN VIGORE DELLA NORMATIVA
GUARINI (FISASCAT CISL): «RICONOSCERE DIGNITA’ E TUTELE A TUTTI I LAVORATORI DEL COMPARTO DELLO SPORT»

 

Roma, 1 luglio 2021 – «Il Governo ascolti la piazza di oggi che si è mobilitata per la regolamentazione del lavoro sportivo e di un settore che nel nostro Paese contribuisce a dare un supporto significativo sul piano educativo, sanitario e sociale. Vanno messe in campo delle regole che riconoscano dignità e tutele a tutti i lavoratori del comparto dello sport». E’ quanto dichiarato dal segretario generale della Fisascat Cisl Davide Guarini da piazza Monte Citorio a Roma intervenuto a margine della mobilitazione indetta insieme agli altri sindacati di categoria Cgil Cisl Uil, Slc e Nidil, Felsa, Uilcom e Uiltemp per sollecitare la ripresa dell’iter parlamentare sulla Riforma dello Sport e del Lavoro Sportivo e ripristinare l’entrata in vigore della normativa, prorogata al 2024, nei tempi dell’attuale legislatura. Alla protesta hanno aderito anche la CIDS, la Confederazione Italiana degli Sportivi, la GIBA Giocatori Italiani Basket Associati e altre associazioni di categoria degli atleti e delle atlete.
Unanime l’appello all’Esecutivo e alla Sottosegretaria di Stato con Delega allo Sport Valentina Vezzali sull’urgenza di introdurre tutele normative che riconoscano i diritti minimi fondamentali alle lavoratrici e ai lavoratori, dalle tutele previdenziali e assicurative alle norme sulla genitorialità, da ricondurre anche alla contrattazione di settore. Per i sindacati occorre riprendere il confronto sulla Riforma e migliorarne le previsioni, riconoscendo le diverse professionalità che operano nel comparto dello sport dove ai professionisti e ai dilettanti si affianca anche il vasto mondo del volontariato.
Il settore, duramente colpito dalla crisi pandemica e dalle misure messe in atto per il contenimento del Covid, occupa oltre 100mila lavoratori dipendenti e più di 500mila collaboratori sportivi.
I sindacati chiedono “di accelerare l’entrata in vigore della Riforma” e di “ristabilire improrogabilmente, il termine per la piena applicazione della Riforma all’interno dei tempi della attuale legislatura, senza il quale verrebbe meno ogni possibilità di confronto sui temi contenuti, rendendo di fatto nullo un intervento legislativo che doveva rappresentare, dopo lunghi mesi di riunioni e lavoro di due Governi, un sostanziale cambio di passo per tutto il settore””.
A più riprese, anche di concerto con le associazioni di categoria degli atleti, i sindacati hanno sollecitato la ripresa dell’iter parlamentare per l’entrata in vigore di una Riforma, certamente migliorabile, ma che avrebbe posto finalmente le basi per il riconoscimento dei diritti fondamentali e delle tutele assicurative e previdenziali per tutti i lavoratori dello sport.
In una nuova lettera congiunta Slc Fisascat e Uilcom e CIDS indirizzata al presidente del Consiglio Mario Draghi, al ministro del Lavoro Orlando, alla sottosegretaria di Stato con Delega allo Sport Valentina Vezzali e alle ministre per le Politiche Giovanili e per le Pari Opportunità Dadone e Bonetti, le rappresentanze sindacali hanno chiesto alle istituzioni di ripristinare la proroga dell’entrata in vigora della Riforma al 1° luglio 2022 e di convocare un tavolo tecnico di confronto con tutte le Parti Sociali.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12