Riflessioni

Condividi su i tuoi canali:

Queste sono le riflessioni di un italiano, senza connotazione politica evidente, senza preconcetti e pregiudizi ma con legittima voglia di chiarezza.

Ma…se l’Italia (come e’ vero ed evidente), e’ uno dei paesi con la piu’ alta pressione fiscale d’Europa, soprattutto per chi lavora in proprio, (non solo per le trattenute esagerate di chi e’ a busta paga)…

– perche’ continuano aprire negozi di stranieri    (soprattutto cinesi), mentre le attivita’ degli italiani continuano a chiudere una dopo l’altra ?

 Hanno agevolazioni diverse, o semplicemente non pagano alcuna tassa e si tengono tutto l’incasso??….

– perche’ hanno una continua convenienza a venire in Italia ad aprire negozi ?

Ma… se in Italia (come e’ vero ed evidente), c’e’ una crisi profonda e praticamente insanabile, dovuta ad una classe politica mediocre che obbedisce agli ordini della massone banca centrale europea, impegnata con tutti gli sforzi possibili nella realizzazione di un nuovo ordine economico mondiale che punta a mortificare l’individuo per esaltare il capitale come unico valore umano…

perche’ continuano ad arrivare clandestini in un paese senza lavoro e che presto rimarra’ senza nulla?

Perche’ un immigrato monta (e paga per farlo) su un barcone per venire in un paese economicamente e socialmente a pezzi, per fare per il  70% lo sfruttato a 2 lire (ma con potere di voto…)  per il 20%  il delinquente , per il 10% l’ospitato gratis ?

Viene perche’ e’ inconsapevole della situazione italiana ?

Viene perche’  gli conviene o e’ obbligato a farlo ?

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Razzismo, vittimismo, protagonismo

Così come nulla impedisce al sole di sorgere, nulla impedisce che a febbraio  si  rinnovi l’appuntamento  con il  Festival di Sanremo. Soltanto un extraterrestre potrebbe

Acutil

Ricordo che mia madre mi faceva assumere questo medicinale, citato nel titolo, durante il periodo scolastico (ai miei tempi non si chiamava integratore) per favorire