Rielezioni di Presidenti

Condividi su i tuoi canali:

""...pur rispettando la figura istituzionale, sono davvero incerta sul futuro di questa presidenza...""
art. di Maria

 Ultimamente, a distanza di pochi mesi, due rielezioni di Presidenti mi hanno lasciata perplessa e incerta.

La prima è quella di Obama, al minimo storico della sua popolarità, contrastato poco efficacemente dal rivale repubblicano…la seconda è  quella di Napolitano, dopo un settennato dignitoso, che tuttavia non l’ha fatto amare  proprio da tutti.

In questo caso, a renderne possibile  la rielezione sono  state sia l’emergenza nella quale si dibatte il Paese, senza governo a due mesi dalle elezioni, sia la clamorosa  inconsistenza dei candidati…alcuni “bruciati”  così pesantemente da vedersi precluso un qualsiasi  futuro incarico. Anche se non si può mai dire, di “resurrezioni  impossibili” in Italia ne abbiamo viste davvero tante.

Direi troppe, dato che i “risorti” nelle vite politiche precedenti hanno combinato più guai che miracoli. Basti pensare a quanto  poco valevano il PdL  e il suo fondatore, appena un paio di mesi fa. Fra  inchieste, processi, scandali vari e grossolani errori politici, pareva scomparso soprattutto Berlusconi. E, invece, grazie a prodigiose amnesie dell’elettorato, egli, e la sua eletta schiera di fedeli,   hanno raccolto un terzo dei voti disponibili.

Quindi è risorto e sta benone, almeno fino a quando non si approssima qualche udienza in qualche  processo che lo vede imputato… allora purtroppo si rivela molto cagionevole di salute.

Quanto alla morte politica di Bersani e del PD, ritengo sia solo apparente, dato che, nonostante la gestione fallimentare, il partito conta su individualità capaci e motivate, in grado di coagulare attorno a sé interesse e voti degli elettori…In questi minuti, io scrivo nella serra di lunedì, in Friuli Debora Serracchiani  vince, anche se di misura, conquistando la presidenza della Regione.

Comunque, pur rispettando la figura istituzionale, sono davvero incerta sul futuro di questa presidenza, non solo e non tanto per l’età avanzata di Napolitano, quanto per la difficoltà di gestire questi politici, di ogni fazione, per i quali ho finito gli aggettivi.

Ciò di cui, invece, non ho la minima incertezza, è la mia assoluta “”non appartenenza”” ormai alla politica italiana, di qualsiasi colore, che non degno neppure di critica.

Non amo infierire con i vinti, meno ancora esultare servilmente con i vincitori…ma anche se avessi queste propensioni, mi è difficile individuare gli uni e gli altri in questa aggrovigliata situazione.

O meglio, mi è impossibile individuare i vincitorii, ma di sicuro so quali sono i vinti : sono gli italiani.

Ma non tutti, solo quelli che ancora credono in qualcosa, per tutti gli altri, la pacchia continua.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per