Riaprono in sicurezza i nidi d’infanzia a Fiorano Modenese

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Aumentati anche quest’anno i posti per rispondere ai bisogni delle famiglie fioranesi.

 

Dall’1 settembre hanno ripreso la loro attività i due nidi d’infanzia del Comune di Fiorano Modenese per i bambini già iscritti lo scorso anno e i bambini della sezione lattanti.

Lunedì 6 settembre sono iniziati gli ambientamenti dei nuovi iscritti delle sezioni medi-grandi, secondo un calendario scaglionato.

Anche per quest’anno, l’Amministrazione ha confermato da subito il servizio di prolungamento orario, a partire dalle 7:30 fino alle 18:30, per tutte le famiglie che ne hanno fatto richiesta.

Dai primi giorni di settembre, sono partite le attività anche nei nidi privati (convenzionati e non).

Nelle scorse settimane, inoltre, la Giunta ha deliberato un ulteriore aumento dei posti, con l’obiettivo di ridurre le liste d’attesa.

Dal 2019 a oggi, la ricettività dei nidi è stata così incrementata dell’8% e, per effetto di questa ultima manovra, i bambini che nell’anno educativo 2021/22 frequenteranno i nidi d’infanzia comunali e convenzionati saranno 107.

L’assessore alle Politiche Educative, Luca Busani sottolinea: “Il nuovo anno educativo si apre con un ulteriore aumento dei posti complessivi, perché un servizio così importante per le famiglie dev’essere tutelato e potenziato al fine di sostenere la ripresa, non solo lavorativa ma anche socio-educativa, confermando inoltre le stesse tariffe e riduzioni.

Se l’anno scorso la parola d’ordine è stata ‘ripartenza’, quest’anno la parola d’ordine sarà ‘sicurezza’, perché vogliamo offrire il miglior ambiente possibile per la crescita dei nostri bambini: La conferma del triage, insieme alla verifica del green pass per gli educatori come previsto dalla normativa, e per gli adulti che effettueranno gli ambientamenti e che sosteranno per un tempo prolungato nelle strutture, garantirà un ancor più efficace controllo degli ingressi”.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati