Resistenza e Risorgimento

Condividi su i tuoi canali:

Quando Mattarella paragona la Resistenza al Risorgimento dice, senza volerlo e suo malgrado, una grande verità: la storia di entrambi era stata scritta dai vincitori come auto-celebrazione, dandone una lettura interessata, spesso falsata e nascondendo crimini e spoliazioni, ed oggi va riscritta e riletta

 


Probabilmente non è stato notato il parallelo fra Resistenza e Risorgimento fatto da Mattarella il 25 aprile. I discorsi di circostanza non li ascolta nessuno. Ma oggi non è come nella Prima Repubblica, quando i tromboni celebravano la Resistenza come “ il secondo Risorgimento”. Allora era un semplice esercizio retorico. Non c’era ancora stata la stagione del revisionismo storico. Dovevano ancora essere scritti i libri di Pansa che, da giornalista socialista al di sopra di ogni sospetto, ha divulgato le stragi dei partigiani fatte anche a guerra finita. Prima queste denunce correvano “underground”, in circuiti ristretti, di destra. I medesimi nei quali era viva la memoria del genocidio delle foibe, volutamente ignorato dalla cultura ufficiale. Delle stragi dei partigiani solo pochi prima di lui avevano osato dire e documentare, come Toni Serena ( di cui possiamo vantare la collaborazione alla Lettera Politica) con i suoi “Giorni di Caino”, avanguardia di quella revisione storica strumento di quella verità che è destinata a venire sempre a galla.

Sono stati molti e di diverse estrazioni gli studiosi che hanno riletto la storia col disincanto e l’obiettività che dà il tempo che passa. Così molte vicende che erano state scritte con la penna dei vincitori sono via, via state sottoposte a revisione critica e sono emerse verità diverse da quelle della storiografia ufficiale. E questo vale anche per il Risorgimento che dopo un secolo e mezzo di retorica patriottarda ora appare sempre più nella sua essenza: l’espansione del Piemonte, in mano ad una dinastia straniera, ai danni degli altri stati della penisola, ottenuta con le armi e senza il consenso della popolazione.

Quando Mattarella paragona la Resistenza al Risorgimento dice, senza volerlo e suo malgrado, una grande verità: la storia di entrambi era stata scritta dai vincitori come auto-celebrazione, dandone una lettura interessata, spesso falsata e nascondendo crimini e spoliazioni, ed oggi va riscritta e riletta. Gli eventi del 1945 e del 1861/1870 sono abbastanza lontani per poterli guardare con distacco e con serenità. Questo hanno in comune Resistenza e Risorgimento

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

SASSUOLO ANTIQUARIATO VINTAGE

Un weekend in cui il “tradizionale” mercato dell’antiquariato del primo sabato del mese in piazza Garibaldi raddoppia. Si svolgerà, infatti, sabato 3 e domenica 4