Regione. Risoluzione Bertani (M5s): “Nei prossimi concorsi valorizzare l’esperienza di chi è già in servizio”

Condividi su i tuoi canali:

None

Provvedimento approvato all’unanimità dall’Assemblea legislativa con due emendamenti presentati dal Pd e sottoscritti anche dai 5 stelle
 

“Inserire nelle prossime procedure concorsuali adeguati strumenti di valorizzazione dell’esperienza per i lavoratori non a tempo indeterminato già in servizio in Regione, anche andando oltre quanto già previsto con il sistema delle riserve”. La richiesta, inserita all’interno di una risoluzione, arriva da Andrea Bertani dei Cinquestelle che ricorda come “alla luce della probabile partecipazione di decine di migliaia di candidati si corra il rischio, in assenza di strumenti di valorizzazione dell’esperienza, di una dispersione di professionalità, competenze e memoria storica, con esiti dannosi e antieconomici per una macchina pubblica che deve affrontare nuove importanti sfide”. Il pentastellato sollecita pertanto “un impegno, a conclusione delle selezioni pubbliche previste per i prossimi mesi, rivolto al superamento del precariato nell’ente, utilizzando anche gli istituti dei concorsi per la stabilizzazione e dei cosiddetti corsi-concorsi”.

Richiesta accolta dall’Assemblea legislativa all’unanimità.

Il Partito democratico ha comunque chiesto, attraverso due emendamenti (sottoscritti anche dai Cinquestelle), la modifica del provvedimento. Insistendo (è intervenuto sul tema Stefano Caliandro) sul “rispetto delle prerogative contrattuali dei soggetti della rappresentanza”.

(Cristian Casali)

 

 

 


 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati