Rapidi ed invisibili, passano i sommergibili

Condividi su i tuoi canali:

Al varo del sottomarino ""Venuti"", il Ministro della Difesa ebbe a sottolineare ""l’importanza di ammodernare il parco di sottomarini della Marina Militare anche per contrastare i pericoli sempre più insistenti provenienti dall’Isis.""

Il 9 ottobre 2014, in occasione della cerimonia del varo del sottomarino “”Venuti””, che dovrebbe essere operativo nel Mediterraneo a partire dall’inizio del 2015, il Ministro della Difesa Pinotti ebbe a sottolineare “”l’importanza di ammodernare il parco di sottomarini della marina militare anche per contrastare i pericoli sempre più insistenti provenienti dall’Isis.””

(http://www.baritalianews.it/11006/2014/10/10/varo-sottomarino-venuti-pronto-a-solcare-il-mare-mediterraneo-dal-2015/)

Non osiamo dubitare della preparazione e della competenza del Ministro, nel fare queste dichiarazioni, ma, se sono già operativi,forse passano troppo “”rapidi ed invisibili””.

Passano così rapidi ed invisibili, i nostri sottomarini, che non solo giustamente nessuno li nota, ma, purtroppo, nemmeno loro notano qualcosa, sopra le loro teste…poichè quotidianamente partono dalla Libia, intere flotte di barconi. Queste imbarcazioni, veri ammassi di fasciame marcio, per lo più…riescono, tuttavia, a traghettare migliaia e migliaia di persone, in zona utile, ossia in vista delle belle ed efficienti navi della nostra Marina, alle quali inviare, con modernissima tecnologia, puntuali SOS. E tutto ricomincia, ogni giorno, più volte al giorno…Migliaia di esseri umani, con i disperati mescolati ai  violenti. E la loro violenza si manifesta anche prima dell’arrivo sulle nostre povere martoriate coste: durante il breve viaggio, si consumano violenze di ogni tipo, fino agli omicidi, bestiali, disumani, dei compagni di viaggio, quando questi sono cristiani, come avvenuto qualche giorno fa: in mancanza di strumenti adatti, come scimitarre e coltellacci da beccaio, i cani infedeli vengono gettati in mare…dove affogano, senza avere nemmeno la soddisfazione delle lacrime ufficiali delle santone e delle patronesse che, evidentemente, fanno distinzioni anche fra i morti annegati. Se sono cristiani, c’è posto anche per l’ironia, sulle inesistenti “”discussioni teologiche “” a bordo dei barconi, come ha stigmatizzato la Boldrini…Ma non si fa in tempo a metabolizzare una tale incredibile dichiarazione, che arriva una nuova tragica notizia, il naufragio di un barcone, con la morte di centinaia di persone, forse 700… forse 950… se saranno confermate le prime stime fatte dalla Guardia Costiera sulla base della testimonianza di un superstite eritreo.  Pressochè mitridatizzati, ormai, da notizie simili, siamo scossi solo da  numeri sempre più alti…e sembriamo  rassegnati, in  attesa della prossima tragedia.

***

Vi presento brevemente il numero on line da oggi. Vi ricordo che i titoli, per vostra comodità, sono link diretti agli articoli, in modo da rendere più agevole e veloce sfogliare Bice, anche a chi non ha molto tempo a disposizione.

 

Oltre al danno, anche la beffa di  Massimo Nardi

Mentre nel l Canale di Sicilia si muore, Laura Boldrini trova il tempo di scrivere un libro e sogna di salire su una scala con martello e scalpello per togliere la scritta Dux sull’obelisco al foro italico

Genocidio Armeno di Roberto Armenia

Per rispetto  dovuto alle vittime e ai Lettori, abbiamo preferito non pubblicare, a corredo di questo straordinario articolo, nessuna delle terribili immagini, presenti in Rete, tragica e inconfutabile testimonianza del genocidio.

Quanto vale la vita  di Alex Scardina

Occorre riflettere sul concetto d’Europa, perché un’istituzione monetaria incapace di affrontare un tema prettamente politico come l’immigrazione non ha più senso di esistere.

Opinioni a confronto di Alberto Venturi e Gianni Galeotti

I partigiani cantano Bella ciao a Montecitorio: nuovo inno d’Italia?

Le solenni celebrazioni per il 70° anniversario della Liberazione sono entrate nel vivo.

Il 16 aprile scorso, i partigiani intervenuti alla cerimonia celebrata a Montecitorio, presenti Mattarella, Pietro Grasso e Laura Boldrini, definiti padroni di casa da quest’ultima, hanno in quell’aula intonato Bella ciao.

La comunicazione persuasiva in Medicina     Dott.Domenico Amuso

Vi sono diversi esempi quotidiani di questo tipo di tecnica, sottile e pericolosa se conduce a decisioni errate e che spesso è rivolta non al singolo individuo ma ad interi gruppi, anche popolazioni.

“”Io leggo perchè””  Comune di Modena.

Personaggi noti e non che spiegano in video perché amano i libri, e utenti delle biblioteche che leggono in pubblico poesie e brani di narrativa. Con due iniziative, le Biblioteche Comunali di Modena aderiscono alla campagna nazionale della passione per la lettura nella Giornata mondiale del Libro di giovedì 23 aprile.

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 465-128

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Amici della Musica di Modena

CONCERTI D’OGGI Domenica 11 dicembre – ore 17:00 Modena – Hangar Rosso Tiepido DUO PIANISTICO SCHIAVO-MARCHEGIANI Marco Schiavo – pianoforte Sergio Marchegiani – pianoforte Musiche