R Nord, Carpentieri “Assurda la proposta di abbattere il condominio”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del responsabile Sicurezza Pd Modena Antonio Carpentieri

 

Il responsabile Sicurezza Pd Modena Antonio Carpentieri definisce assurda e impraticabile l’idea lanciata da Fratelli d’Italia di demolire il Condominio R Nord: “Ci sono decine di appartamenti proprietà di privati”. La nota:

 

 

“L’idea di abbattere un edificio in gran parte riqualificato e in cui sono presenti decine di appartamenti di proprietà di privati cittadini è qualcosa di assurdo”. Con queste parole il responsabile Sicurezza Pd Modena Antonio Carpentieri risponde alle parole del consigliere regionale Fdi Michele Barcaiuolo che in vista di una prossima mobilitazione per la sicurezza in città ha affermato di essere favorevole all’abbattimento del Condominio R Nord.

“Ancora una volta – continua Carpentieri – dalla destra arrivano solo chiacchiere senza fondamento e mai una proposta concreta che possa essere praticabile. Negli anni ‘90, prima di intraprendere i progetti di riqualificazione, l’amministrazione comunale aveva verificato la possibilità di un abbattimento e ricostruzione dell’edificio, ma i proprietari privati, pur vedendosi garantiti tutti i loro diritti del caso, si resero da subito totalmente indisponibili a questa ipotesi. A quel punto, scartata l’ipotesi demolizione, si è iniziata l’opera di riqualificazione, sociale oltreché urbanistica, che sta continuando ancora oggi. È un percorso non facile che sta andando avanti – spiega il consigliere Dem -. La riqualificazione deve continuare per migliorare la frequentazione dell’area ma bisogna anche aumentare il presidio e i controlli delle forze dell’ordine. È prossima l’inaugurazione della nuova sede, proprio nel Condominio R Nord, della Medicina dello sport. La destra modenese intende presentarsi con la ruspa? In tal caso sarebbe opportuno avvisare i residenti, i proprietari e tutti coloro che lavorano nell’edificio. Proporre ai cittadini soluzioni assurde e irrealizzabili è inutile. La strada da seguire è quella della riqualificazione, un percorso lungo e non sempre facile che tuttavia ha già dato frutti”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati