Questura: con Muzzarelli per chiedere l’elevazione da fascia B a fascia A

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Ieri sera abbiamo votato ad unanimità un Ordine del Giorno, con nostre integrazioni e emendamenti, proposto dalla Lega sulla richiesta di potenziamento della Questura di Modena e Commissariati distaccati. Si chiede di elevare la questura da fascia B a fascia A, il che vuol dire avere più uomini e mezzi. La lega ha anticipato un odg che avremmo presentato prossimo consiglio ma è arrivata dopo rispetto a ciò che abbiamo già iniziato a fare da tre settimane sul territorio modenese, ossia raccogliere firme per elevare la Questura di Modena in fascia A e aumentare, così, gli attuali organici considerati insufficienti per monitorare il territorio. Lo stesso Vicepresidente della Provincia di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha posto la questione alla ministra Lamorgese nell’incontro a Roma il mese scorso. E’ oggettivo che la Provincia di Modena dal 1989 sia molto cambiata per quanto riguarda la popolazione residente che è in costante aumento, sia sotto l’aspetto socio economico in continua crescita con tutte le conseguenze da ciò derivanti per la criminalità, sia riguardo ai flussi migratori che la Questura deve gestire e controllare.

Una doppia azione che si struttura sia attraverso gli organi amministrativi, sia attraverso la raccolta firme con l’obiettivo di garantire alla Questura e ai commissariati risorse umane e di dotazione affinché siano in grado di lavorare per i cittadini, che hanno bisogno della tutela ed aiuto dello Stato per proteggerli e garantire loro un diritto costituzionale.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati