Questionari “on line” per migliorare i servizi dell’ente

Condividi su i tuoi canali:

None

Il Comune chiede a 4 mila modenesi di entrare a far parte del campione: sondaggi via mail meno costosi e più rapidi. Pighi: “Strumento efficace per garantire qualità”

 

Una richiesta a 4 mila modenesi di collaborare con continuità, offrendo le proprie valutazioni e i propri suggerimenti, al miglioramento dei servizi e delle attività del Comune. E’ lo scopo della mail che in questi giorni stanno ricevendo, appunto, 4 mila cittadini, che avevano fornito il proprio indirizzo di posta elettronica al Comune di Modena in occasione dell’iscrizione dei figli al nido o alla scuola d’infanzia, frequentando una palestra comunale, partecipando a un corso per l’utilizzo del computer, aderendo a un gruppo della protezione civile o semplicemente compilando una pratica urbanistica on line.

 

L’invito che viene loro rivolto è quello di entrare a far parte del campione rappresentativo di cittadini ai quali sottoporre i questionari on line per svolgere le ricerche e i sondaggi che da anni il Comune realizza per valutare la qualità dei servizi comunali dal punto di vista degli utenti e per approfondire aspetti della vita in città: dalla sicurezza urbana alla viabilità, dall’ambiente alla manutenzione di strade e aree verdi, solo per fare qualche esempio.

 

Per l’Ufficio ricerche, che da anni sviluppa questa attività nell’ambito dei servizi della Direzione generale del Comune, la possibilità di integrare il campione di cittadini normalmente raggiunti dalle telefonate dei sondaggisti con i questionari via internet rappresenterebbe un significativo risparmio economico e di tempi di realizzazione, senza nulla togliere alla rigorosa scientificità dell’indagine, visto che comunque il campione statistico verrebbe riequilibrato per garantirne la rappresentatività.

 

“Ringrazio fin d’ora i cittadini che accetteranno di collaborare a queste indagini – commenta il sindaco Giorgio Pighi – che rappresentano ormai uno strumento affidabile, efficace e prezioso per verificare la qualità dei nostri servizi e del rapporto con il pubblico. In questi anni, sulla base dei risultati abbiamo migliorato le attività cercando di rispondere nel modo più adeguato possibile ai nuovi bisogni dei cittadini e queste indagini hanno assunto anche i caratteri di un fattore di partecipazione alla vita cittadina e dell’amministrazione locale. Uno strumento di questo tipo, inoltre, è ancora più indispensabile – aggiunge il sindaco – nel momento in cui l’ente pubblico rafforza le proprie funzioni di indirizzo e di controllo della qualità dei servizi affindandone poi la gestione a soggetti esterni”.

 

A seconda delle attività, la struttura dell’Ufficio ricerche sviluppa questionari in grado di misurare il grado di soddisfazione degli utenti in base a un articolato sistema di indicatori, non limitandosi a un giudizio sintetico. L’obiettivo è fare in modo che i risultati (alcune ricerche sono pubblicate sul sito del Comune: www.comune.modena.it/ufficioricerche) possano servire in modo concreto ad apportare miglioramenti, anche puntuali, nell’organizzazione dei servizi.

 

 

Ufficio Stampa

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex