Quella baracca in mezzo agli alberi

Condividi su i tuoi canali:

Non ci sono solo le baraccopoli e le tendopoli di Como e Ventimiglia, oltre che di altre parti d’Italia, ma anche a Modena,  nella nostra ricca città un accampamento di fortuna, vicino agli uffici comunali

 

Dal titolo, anche se un po’ modificato, si poterebbe pensare a un remake del film Quella villa in mezzo al bosco, horror di serie B degli anni 80. Invece, è semplicemente un accampamento di fortuna, vicino agli uffici comunali, di qualche povero disgraziato che non ha trovato accoglienza in nessuna struttura. Il tutto, protetto da un po’ di vegetazione per, cui se non ci sbatti il naso, non te ne accorgi nemmeno.  Le foto sono quello che sono: prese da lontano anche per un senso di rispetto, per la, o le persone che vi abitano. Non c’è nessuno spirito polemico, né tanto meno accusatorio nei confronti  dell’amministrazione comunale, (che forse non è neanche informata della situazione in quell’area), ne dell’informazione, a cui non spetta fare polemica. Semmai compete ai partiti che sono all’opposizione vigilare sul buon andamento e sul decoro della città. Anzi, la documentazione serva soltanto a mettere sull’avviso che non ci sono solo le baraccopoli e le tendopoli di Como e Ventimiglia, oltre che di altre parti d’Italia, ma anche nella nostra ricca città e se non si pone rimedio, ci potremmo trovare nelle situazioni sopra descritte.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria