QUANDO L’ISLAM VIEN PER CUOCERE

Condividi su i tuoi canali:

None

Egregi navigatori,care massaie, carissimi single,  mi sono fatto un giro per le macellerie della città, in cerca di un bel paio di fiorentine da cucinarmi al sangue, ora che è finito lo spauracchio della crazy cow. Ma ho provato paura lo stesso, davanti ai prezzi esposti nei banchi. Si va dai 16 ai 18 Euro per una fiorentina di scottona senz’osso ( nei negozi Coop ) ai 22,50 Euro per una f. toscana D.o.c. fino ai 26,80 Euro per un kilo di f. “”sceltissima”” in macellerie per V.I.P.! Ho avuto un attimo solo di incertezza prima di entrare in una macelleria islamica, dove mi sono fatto servire due succulente fiorentine “”halal”” al prezzo di soli 9,80 Euro al kilo: una carne che non è calata con la cottura, di qualità organolettiche eccelse come non ricordavo da anni ! La differenza dei prezzi, come potete notare, è macroscopica, e la macelleria era linda, in regola e frequentatissima, anche da qualche italiano! E’ innegabile che gli aumenti ci sono stati e dare la colpa all’Euro fa parte del gioco, mentre la teoria della moneta di carta o di metallo non ha ragione d’essere: se vuoi portare a casa quel prodotto devi scucire ciò che ti chiede il commerciante, poche pippe! Gli aumenti si sono sommati via via lungo la filiera che va dalla produzione al dettaglio, passando per il trasporto e l’ingrosso, e questo vale anche per frutta e ortaggi dove i passaggi di mano e di tasca sono molteplici. Con l’arrivo dell’euro sembrava arrivata anche la crisi dei consumi, con le famiglie che non arrivavano a fine mese, gli acquisti (voluttuari) tutti a rate, la miseria più nera. Ma il danaro non è svanito. E’ semplicemente passato dalle tasche dei consumatori alle tasche dei produttori e rivenditori, i quali investiranno i maggiori profitti in nuovi beni di consumo o in beni immobili: è, economicamente parlando, fisiologico. Ciò che non è economicamente accettabile è la volatizzazione dei nostri risparmi ( Cirio, Parmalat e altri mega-crac a perdere ) dove il danaro viene assorbito dai risparmiatori e, semplicemente, evapora, non si sa nemmeno dove. Anche l’acqua evapora, in cielo,  ma prima o poi, per un principio fisico, ritorna alla terra. Chissà se saremo ancora vivi quando cadrà una pioggia di Eurolat…

 

 

 

 

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

BORGO DEI NONNI

A Lama di Reno il progetto lungimirante per un borgo “speciale” Ilcapogruppo di RETE CIVICA – Progetto Emilia-Romagna Marco Mastacchi ha presentato alla Presidente dell’Assemblea

“CALICI DI STELLE”

LUNEDÌ 8 AGOSTO RITORNA IN CENTRO STORICO A CASTELVETRO “CALICI DI STELLE” CON VINO, CIBO E MUSICA. MERCOLEDÌ 10 A LEVIZZANO OSSERVAZIONI DELLA VOLTA CELESTE

I tartufi alle Salse di Nirano

Alla Riserva di Nirano la sede dell’Associazione Tartufai di Modena che collabora nella manutenzione e pulizia dell’area protetta. Pochi forse sanno che sulle pendici dei