Quale spesa e’ essenziale?

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Il concetto di essenziale, per uno come me che ha un po’ d’anni, è molto meno esteso dell’essenziale di un giovane d’oggi, incapace di non ricorrere all’estetista, di non decorarsi le unghie come miniature pittoriche (saremo sempre legati a simboli tribali), o il corpo di tatuaggi, di non fare l’apericena seriale e sono per lui una necessità.

 


Leggo sulla stampa una dichiarazione del vicepremier Luigi Di Maio che il reddito di cittadinanza servirà solo per spese essenziali”; le sue parole esatte sono state:

“La card permette di utilizzare questi soldi per la funzione per cui esiste il reddito: assicurare la sopravvivenza minima dell’individuo. È chiaro che per comprare un gratta e vinci, o le sigarette o dei beni non di prima necessità, la card non funziona”.

Come definire l’essenzialità?

Quando nel 1983 la ceramica entrò in crisi e le aziende chiudevano, la gente storceva il naso vedendo bussare ai servizi sociali persone con auto di grossa cilindrata, seppure datate. “E’ l’auto che avevo prima; vendendola, non ricaverei abbastanza per comprarne un’altra più piccola e nel contempo ho bisogno di un’auto per cercare lavoro” e non è forse essenziale, per uno straniero, possedere un buon cellulare in grado di garantire i contatti con la propria famiglia?

Sarà interessante, con tutte le soggettività e le variabilità legate al concetto di prima necessità, provare a definire per legge cosa sia essenziale. E’ essenziale la merendina preconfezionata? E’ essenziale per un bambino l’attrezzatura per praticare lo sport? Quale sport? E’ essenziale la carta igienica? E non è essenziale la casa?

Il concetto di essenziale, per uno come me che ha un po’ d’anni, è molto meno esteso dell’essenziale di un giovane d’oggi, incapace di non ricorrere all’estetista, di non decorarsi le unghie come miniature pittoriche (saremo sempre legati a simboli tribali), o il corpo di tatuaggi, di non fare l’apericena seriale e sono per lui una necessità.

I beni di prima necessità, essenzialità spremuta al massimo, sono quelli che si inviano ai terremotati, volti alla semplice sopravvivenza, ma senza un’emergenza che coinvolga tutti rendendo tutti uguali, è possibile sopravvivere nella nostra società, semplicemente sopravvivendo?

Io credo di no.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Cristo si è fermato a Eboli

ROSI ABOUT EBOLIPer la sua XIX edizione, il festival LA VALIGIA DELL’ATTORE presenta un breve documentario inedito su Rosi e Volonté durante la lavorazione di

Visit Castelvetro!

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Visita il Castello di Levizzano Rangone in Notturna!Venerdì 8 Luglioore 21.00Castello di Levizzano Rangone Hai mai visto un Castello di notte?