Qualcuno continua a non capire

Condividi su i tuoi canali:

None

Immigrazione-Sassuolo:

La  CGIL conferma le sue posizioni espresse a gennaio in modo chiaro, netto e  fermo  con  l’auspicio  che  questa  volta  le  dichiarazioni  di questa organizzazione sindacale siano di aiuto a chi continua a non capire o a chi tenta  di  falsare  la  verità come stanno facendo alcuni signori di alcune forze politiche del centro destra.

La  CGIL,  pertanto,  continua a ribadire che, a differenza di queste forze politiche,  relativamente  a tutti gli episodi di criminalità, di dolo o di delinquenza  e in mancanza di prove certe, le indagini non devono escludere nessuna  delle  ipotesi possibili. Tantomeno abbiamo cercato di influenzare indagini  verso  ipotesi  dettate da miseri tornaconti propagandistici come altri spesso tentano di fare.

 

I  cittadini  di  Sassuolo sanno bene da che parte sta la CGIL: esattamente con  tutti  i  cittadini  di questo territorio che vorrebbero una città più tranquilla,  una  città  più  serena, una città più sicura e certamente con diritti  e  doveri  per  tutti, tesi quest’ultima da noi sempre sostenuta e notiamo  con piacere che incomincia ad influenzare anche chi fino a ieri la pensava diversamente sostenendo che esistevano solo i doveri.

E’  altrettanto noto che la CGIL non ha mai gettato e non getterà “infami e infondate  accuse  di  razzismo”  sui  sassolesi  come  qualcuno deviando e deformando  le  informazioni  ed essendo in difficoltà tenta di fare, forse per rifarsi un vestito di tolleranza che in un tutti questi anni non ha mai avuto.

Chi cerca di nascondersi dietro ai cittadini in senso generico farebbe bene a non farlo. I cittadini non sono stupidi e sanno bene chi, in tutti questi anni,   ha   lavorato  per  l’integrazione  dei  nuovi  cittadini,  per  la tolleranza,  per  diritti  e  doveri  per tutti, per il sostegno alle forze dell’ordine,  per  il  recupero delle aree degradate, per uno stato sociale più forte, per la difesa dei più deboli. In particolare la CGIL si è sempre opposta  a far passare Sassuolo come città violenta e su questo i cittadini sanno perfettamente quali sono eventualmente le forze che stanno denigrando Sassuolo.

 

Inoltre  cogliamo  con parziale soddisfazione che oggi qualcuno ha cambiato idea  anche  in  merito  alle Consulte dei migranti e chiede addirittura di dialogare  direttamente,  almeno  per  quanto  si  evince dagli articoli di stampa.

Voglio  ricordare però che le proposte per istituire le consulte nei Comuni del  distretto  sono state fatte unitariamente da CGIL CISL e UIL a partire dal  piano  di  zona del 2003 e che hanno uno scopo ben preciso: favorire i processi  di integrazione e riconoscere diritto di rappresentanza a chi non c’è  l’ha,  mettere  in  condizioni  i  nuovi  cittadini  di  conoscere  le istituzioni  e  le  regole  di  funzion
amento,  naturalmente, in attesa del diritto di voto amministrativo.

Certo  qualche  perplessità  seria  rimane non fosse altro che, quelli  che oggi  chiedono  il dialogo con le Consulte, sono gli stessi che fino a ieri hanno  cercato di osteggiare la nascita delle stesse e una volta costituite le hanno sempre attaccate.

 

Il coordinatore CGIL Sassuolo 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Assuefazione, quasi rassegnazione

La rassegnazione non è una virtù. Per lo meno  non lo è certamente dinnanzi  a fenomeni che stanno prendendo sempre più spazio nella nostra società

La Sardegna non crei illusioni

Le elezioni in Sardegna sono state vinte dal centrosinistra o perse dal centrodestra? La domanda ha un senso perché nel primo caso, può significare l’inizio di